Toscana

Internet, 30 anni fa la prima connessione dal Cnr di Pisa. A 64kb

Utenti-Internet

FIRENZE – Dall’allora Cnuce del Consiglio nazionale delle ricerche, il 30 aprile del 1986, partì questo semplice comando-messaggio: “Ping“. Da oltreoceano, precisamente da Roaring Creak in Pennsylvania, si rispose con un semplicissimo “Ok“. Così l’Italia si collegò ad Arpanet, la rete statunitense antesignana di Internet. Il collegamento avvenne a ‘ben’ 64KB tra la sede del Cnuce-Cnr, in via Santa Maria a Pisa, e quella di Telespazio, nella piana abruzzese del Fucino, rimbalzando attraverso il satellite Intelsat V, e da lì a Roaring Creek. Quella connessione stabilita con Arpanet, la prima in Italia, fu la quarta in Europa, dopo quelle stabilite in Inghilterra, Norvegia e Germania. Un anno dopo, l’Italia registrerà il primo dominio ufficiale con suffisso .it: ‘cnuce.cnr.it’. Oggi l’eredità di quella tradizione ‘pragmatica’ nella gestione delle reti, tra le altre cose, è dell’Istituto di informatica e telematica (Iit-Cnr) presso il quale opera il Registro.it, l’anagrafe di tutti i domini made in Italy.

internet_utentiDomani, venerdì 29 aprile a partire dalle ore 10, presso l’auditorium dell’area della ricerca di Pisa del Cnr (via G. Moruzzi, 1), si celebrerà il trentennale di Internet. Ad omaggiare il trentennale Domenico Laforenza, direttore dell’Iit-Cnr e responsabile dell’Area Cnr di Pisa, il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, il sindaco di Pisa Marco Filippeschi. A concludere i lavori saranno gli interventi del presidente del Consiglio Matteo Renzi (che si collegherà via web da Roma, come annunciato nel corso del “Matteo risponde”), del ministro dell’Istruzione Stefania Giannini e del presidente del Cnr Massimo Inguscio.

di Diego Giorgi, giornalista

28 aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»