Made in Italy, Coldiretti: “300mila posti di lavoro dalla lotta ai falsi esteri”

Contraffazione Made in Italy

BOLOGNA – Dalla lotta alla contraffazione e alla falsificazione dei prodotti alimentari italiani di qualita’ potrebbero nascere trecentomila nuovi posti di lavoro. E’ quanto denuncia il Dossier Coldiretti che ha collaborato alla “task force” dei Carabinieri dei Nas all’estero per verificare cosa viene venduto come “italiano”, grazie ad un progetto dell’Europol presentato alla mobilitazione a difesa del Made in Italy di migliaia di agricoltori italiani con i trattori dentro e fuori il Paladozza a Bologna in Emilia Romagna, la regione con il primato italiano ed europeo della qualita’ per il maggior numero di prodotti a denominazione di origine riconosciute dall’Unione Europea.

Questi prodotti sono stati determinanti nel consentire all’Italia di raggiungere nel 2015 il record storico delle esportazioni agroalimentari di 36,8 miliardi, un valore che e’ praticamente raddoppiato negli ultimi dieci anni (+74%). “A trainare- sottolinea la Coldiretti– e’ soprattutto il vino che fa registrare un aumento dell’80% nel decennio per raggiungere nel 2015 un valore delle esportazioni di 5,4 miliardi che lo colloca al primo posto tra i prodotti della tavola Made in Italy all’estero”.

Al secondo posto, precisa la Coldiretti, “si posiziona l’ortofrutta fresca con un valore stimato in 4,4 miliardi nel 2015, ma con una crescita ridotta e pari al 55%, mentre al terzo posto sul podio sale la pasta che raggiunge i 2,4 miliardi per effetto di una crescita del 82% nel decennio”. Nella top five ci sono anche “i formaggi che hanno raggiunto un export stimato a 2,3 miliardi con un balzo del 95% in dieci anni”, mentre la classica “pummarola” fa salire la voce pomodori trasformati “a 1,5 miliardi (+88% nel decennio)”. A determinare l’ottima performance dell’agroalimentare italiano “sono stati pero’ anche- precisa la Coldiretti– l’olio di oliva che e’ aumentato del 24% nel periodo considerato per raggiungere 1,4 miliardi a pari merito con i salumi”. Circa un prodotto alimentare italiano esportato su cinque – sottolinea la Coldiretti – e’ “Doc” con il valore delle esportazioni realizzato grazie a specialita’ a denominazione di origine, dai vini ai formaggi, dalle conserve all’olio fino ai salumi, che rappresenta il 20% del totale. “Con i prodotti originali sono pero’ aumentate sui mercati esteri anche le imitazioni con l’agropirateria internazionale che fattura sul falso Made in Italy a tavola 60 miliardi di euro nel mondo, quasi il doppio dei prodotti originali”, denuncia il presidente Coldiretti Roberto Moncalvo nel sottolineare l’importanza di un’azione piu’ decisa dentro e fuori l’Europa.

In testa alla classifica dei prodotti piu’ taroccati – rileva la Coldiretti – ci sono i formaggi a partire dal Parmigiano Reggiano e dal Grana Padano, ma anche il Provolone, il Gorgonzola, il Pecorino Romano, l’Asiago o la Fontina. Poi ci sono i nostri salumi piu’ prestigiosi dal Parma al San Daniele che spesso “clonati”, ma anche gli extravergine di oliva, le conserve e gli ortofrutticoli come il pomodoro San Marzano. Se gli Stati Uniti sono i “leader” della falsificazione, le imitazioni dei formaggi italiani sono molto diffuse dall’Australia al Sud America, ma anche sul mercato europeo. “A questa realta’ pero’- conclude la Coldiretti– se ne aggiunge una ancora piu’ insidiosa: quella dell’italian sounding di matrice italiana, che importa materia prima dai Paesi piu’ svariati, la trasforma e ne ricava prodotti che successivamente vende come italiani senza lasciare traccia, attraverso un meccanismo di dumping che danneggia e incrina il vero Made in Italy’, perche’ non esiste ancora per tutti gli alimenti l’obbligo di indicare la provenienza in etichetta”.

28 Apr 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»