Dig.Eat 2019, Anorc rivela: “Ci sara’ il Garante europeo della privacy”

DIG.Eat 2019, evento promosso da Anorc, racconterà, con un occhio irriverente, ‘il lato oscuro del digitale‘ il prossimo 30 maggio Roma
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – E’ il Garante europeo della protezione dei dati, Giovanni Buttarelli, il primo ospite rivelato dagli organizzatori del DIG.Eat 2019, l’evento promosso da Anorc che racconterà, con un occhio irriverente, ‘il lato oscuro del digitale‘ il prossimo 30 maggio Roma.

Nato da un’idea di Anorc con il supporto organizzativo di Digital&Law Department, il DigEat per la sua dodicesima edizione punta ad essere un evento spettacolare: dalla location (il Teatro Eliseo di Roma) al tema (lo storico album dei Pink Floyd ‘The dark side of the moon’) alla formula ‘talk’ degli interventi dei relatori, ogni elemento è studiato per catturare e mantenere viva l’attenzione dei partecipanti.

Sui dettagli del programma, sempre in linea col ‘mood’ di questa edizione, c’è ancora un velo di mistero. Chi parteciperà lo conoscerà il giorno stesso. Certamente si parlera’ di documenti informatici, privacy e sicurezza, firme elettroniche, fattura elettronica, sanita’ digitale e governance digitale, tentando di fotografare la condizione del digitale in Italia e provare a indicare strade praticabili per PA, professionisti e imprese.

A farlo saranno stakeholder ed esperti nazionali provenienti dal mondo delle istituzioni, delle imprese e delle universita’. Tra gli sponsor di questa edizione, è già confermata la presenza di Team System e Dgroove, mentre si attendono i nomi delle altre aziende che sosterranno il DIG.Eat 2019 (le candidature per le sponsorship, si chiuderanno a breve).

Le iscrizioni all’evento, a ingresso gratuito previa registrazione obbligatoria, si possono fare cliccando qui. Tutte le informazioni sul #Digeat2019 sono disponibili sul sito ufficiale dell’evento http://www.digeat.it/.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

28 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»