Migranti, la portavoce di Sea Watch: “Salvini complice di un olocausto”

Lo dice a Circo Massimo, su Radio Capital, la portavoce di Sea Watch Italia Giorgia Linardi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Ci stiamo veramente macchiando di crimini pazzeschi, a livelli dell’olocausto. Forse peggio”: lo dice a Circo Massimo, su Radio Capital, la portavoce di Sea Watch Italia Giorgia Linardi parlando della situazione dei migranti nel Mediterraneo e in particolare in Libia.

LEGGI ANCHE: Caso Sea Watch, per la Procura di Roma fu sequestro di persona

“Ci ho messo molto prima di cominciare a utilizzare questa parola”, spiega, “otto mesi trascorsi in nave a raccogliere centinaia di testimonianze da queste persone. Dopo aver ascoltato quelle storie, posso dire che si tratta di trattamenti di quel tipo”.

Quindi Libia, Europa e il ministro dell’Interno Salvini sono complici di un olocausto? “Sì, è così. Stiamo sponsorizzando questo sistema, non stiamo solo lasciando che accada”.

A proposito del ritiro delle navi dalla missione Sophia, Linardi dice che “è grave che si pensi di pattugliare il Mediterraneo solo con aerei. E per fare cosa? Per guardare le persone affogare o farle rimandare indietro dove sappiamo esattamente quello che accade? È vero che sono diminuiti gli sbarchi, ci sono meno partenze ma c’è anche meno informazione sulle partenze”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

28 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»