‘Bob e Marys’, la commedia con Rocco Papaleo e Laura Morante dal 5 aprile al cinema

ROMA –  “La storia e’ tratta da un fatto realmente accaduto allo zio di un mio amico, nei pressi di Napoli. Appena ho saputo di questa storia mi sono immediatamente interessato e ho approfondito l’argomento. Chiaramente la storia reale ha avuto uno sviluppo drammatico. Nel film, invece, ho cercato maggiormente la forma della commedia, raccontando pure la storia d’amore un po’ appassita tra i due protagonisti – interpretati da Rocco Papaleo e Laura Morante – che riprende vita dopo l’accùppatura (una pratica criminale che costringe i malcapitati a custodire in casa merce illecita)”. Cosi’ il regista Francesco Prisco ha aperto la conferenza stampa – al cinema Barberini di Roma – del suo film ‘Bob & Marys – Criminali a domicilio’, dal 5 aprile al cinema.

Papaleo nei panni di Roberto ‘Bob’, Morante in quelli di Marisa ‘Marys’: una coppia insolita che conduce una vita priva di sussulti. Lui istruttore di scuola guida, lei operatrice volontaria. I due vivono in un equilibrio di grigia abitudine, fino a quando dei criminali si introducono in casa loro e la riempiono di pacchi dal contenuto misterioso, ma sicuramente illegale. I protagonisti non hanno alcuna possibilita’ di denunciare e, soprattutto, rischiano di passare un guaio con la legge. Pian piano, sotto scacco dei malviventi e con gli sguardi indiscreti del vicinato da eludere, Roberto e Marisa, invece di soccombere, ritrovano l’energia ribelle e fantasiosa di quando erano ragazzi e la voglia di reagire al sopruso ballando rock ‘n roll.

Dimenticarsi della paura e ribellarsi alla criminalita’ organizzata sono gli ingredienti principali del film. Bob e Marys si fanno promotori dell’importanza della denuncia. Nel cast: Rocco Papaleo, Laura Morante, Massimiliano Gallo, Simona Tabasco, Andrea Di Maria, Francesco Di Leva, Enzo Salomone, Antonio Iuorio, Gianni Ferreri e Giovanni Esposito.

28 Marzo 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»