In Toscana 5mila euro alle band musicali emergenti

Musica_liveFIRENZE – Pubblicati i primi 108 premiati della prima edizione di “Toscana 100 band”, uno dei venticinque punti del programma di governo del presidente Rossi annunciati l’anno scorso in campagna elettorale, un’iniziativa che si inserisce all’interno del piu’ ampio progetto Giovanisi’: per loro un assegno fino a 5000 euro e cinquanta ore di corso di formazione con esperti ed addetti ai lavori. Si parte con la fiorentina Ba’kira (al secolo Erika Boschi), prima con il suo jazz venato di bossa e suggestioni tropicali, fino ad Alice, senese, un’impronta pop rock e centottesima. Nel mezzo ci sono tutti gli altri.

“La musica indipendente e’ una grande risorsa della Toscana. Intreccia culture e legami e forma le nuove generazioni. Le giovani band sono tante, ma incontrano difficolta’. Con questa iniziativa rivolta ai giovani musicisti fino a 35 anni abbiamo provato a dare alcune risposte” commenta il presidente della Toscana Enrico Rossi.

Il bando per le selezioni si era aperto a fine dicembre e in cinque settimane, fino al 29 gennaio, in 747, gruppi e solisti, si sono fatti avanti. Oltre un quarto delle proposte musicali e’ arrivato dalla citta’ metropolitana di Firenze, quasi il 15 per cento da Livorno e poco meno da Pisa e Lucca, poi Arezzo (9,7%), Siena (6,6%) e gli altri. Tutte e dieci le province erano rappresentate. Tra i premiati ben piazzate sono Firenze ma anche Pisa, Livorno e Arezzo. Naturalmente la musica (come l’arte in genere) non ha confini e ci sono anche gruppi dove i componenti arrivano da territori diversi della Toscana, controqualsiasi campanilismo. Sul sito toscana100band.it ma anche sul portale Giovanisi’ e su quello della Regione Toscana saranno pubblicati i nomi di tutti i premiati; per trasparenza ci sara’ anche la graduatoria di chi e’ rimasto fuori, dal 109esimo posto in poi.

Fonte: Redattore sociale

28 Mar 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»