Madagascar, la popstar col popolo Mikea: “Nessuno tocchi i baobab”

Theo Rakotovao in lotta contro multinazionale australiana
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “È inaccettabile che degli stranieri vengano qui a saccheggiare le nostre ricchezze”: parola di Theo Rakotovao, star della canzone del Madagascar, da anni portavoce delle rivendicazioni del suo popolo, i Mikea. Il territorio nel quale la comunita’ vive, la foresta spinosa della regione di Atsimo-Andrefana, nel sud-ovest dell’isola, e’ minacciata dalla multinazionale australiana Base Toliara, che ha ottenuto dal governo le autorizzazioni per avviare attivita’ estrattive entro fine anno. L’area e’ ricca di ilmenite, impiegato nella produzione di vernici.

Ieri Rakotovao ha guidato una manifestazione di protesta nella capitale Antananarivo: “Questa terra e’ nostra” ha detto il cantante, che come nome d’arte ha scelto proprio “Mikea”: “Quando i malgasci tagliano gli alberi, vengono criticati perche’ ‘la foresta va protetta’. Ma quando le multinazionali minacciano queste aree con i bulldozer, la radioattivita’ o fuoriuscite di sostanze chimiche, nessuno dice niente”.
Base Toliara, parte del gruppo Toliara Sands, da vari anni ha avviato lo sfruttamento di siti estrattivi all’interno dell’area protetta in cui vivono i Mikea per ottenere l’ilmenite e altri minerali. Il risultato: decine di ettari di foresta di baobab distrutti.

Organizzazioni ambientaliste locali hanno denunciato l’inquinamento del suolo, dell’aria e dell’acqua, assieme al rilascio di sostanze radioattive derivanti dall’estrazione dei minerali. I Mikea, da secoli residenti in questa regione, dediti all’agricoltura, alla pastorizia e alla raccolta dei frutti, si sono ritrovati senza terre. Per portare a termine il piano, la multinazionale ha bisogno pero’ del via libera delle comunita’ locali. Per convincerle, sta promettendo piani piu’ attenti all’ecosistema e posti di lavoro.

Un gruppo di pescatori, allevatori e coltivatori Mikea ha pero’ gia’ chiesto ai ministri delle Miniere e dell’Ambiente un incontro per ribadire il proprio rifiuto. L’auspicio della comunita’ sarebbe che il presidente del Madagascar, Andry Rajoelina, che ha ottenuto molti voti nella regione alle elezioni di novembre, annulli la concessione alla multinazionale.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

28 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»