Sogin, ecco ‘Open Gate 2019’: porte aperte in quattro impianti nucleari

Sabato 13 e domenica 14 aprile porte aperte a quattro impianti nucleari italiani in corso di smantellamento: le visite (di due tipi) si possono prenotare online e sono gratuite
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
ROMA – Open Gate è l’iniziativa del Gruppo Sogin, nata nel 2015, che apre le porte degli impianti nucleari italiani in corso di smantellamento a cittadini, famiglie, associazioni, giornalisti e portatori di interesse. 
 
L’evento, giunto alla sua terza edizione, si terrà il secondo fine settimana di aprile, sabato 13 e domenica 14, e verranno aperte le porte delle centrali nucleari di Caorso (Piacenza), Garigliano (Caserta), Trino (Vercelli) e Latina. L’idea che sta dietro queste giornate è quella di far entrare i cittadini in un impianto nucleare, accompagnati dai tecnici che quotidianamente vi lavorano e in questo modo ripercorrere un pezzo di storia industriale del Paese.
 
Le iscrizioni, esclusivamente on line, si chiuderanno il 31 marzo 2019 e, nelle due giornate, gli impianti potranno accogliere complessivamente circa 3.000 visitatori iscritti. 

Come iscriversi a Open Gate 2019 

Per partecipare a Open Gate 2019 è necessaria l’iscrizione on line. Scegli quale impianto nucleare visitare, seleziona il percorso di visita e prenotati per la data e il turno che preferisci attraverso il modulo disponibile nel quale inserire i tuoi dati anagrafici, allegando una copia di un documento di riconoscimento in corso di validità. Terminata la procedura di iscrizione, riceverai un’e-mail di conferma con la possibilità di accedere a un’area riservata per visualizzare, modificare la data e il turno scelti (fino ad esaurimento posti) e/o cancellare la tua prenotazione. 
 
L’iscrizione dei bambini sotto i 18 anni (dai sei anni in su) è consentita per il solo percorso ‘Area industriale’ e deve essere obbligatoriamente effettuata da chi esercita la potestà genitoriale. È, inoltre, necessario indicare i dati dell’adulto (maggiorenne), già registrato all’evento, che dovrà accompagnare il minore durante la visita. L’accompagnatore può essere colui che esercita la potestà genitoriale oppure un suo delegato (in tal caso, è necessario presentare il giorno della visita la delega e la copia del documento di riconoscimento del delegante). 
 
Ti ricordiamo che l’iscrizione è soggetta alle preventive verifiche da parte delle Autorità competenti che potrebbero impedire l’accesso per motivi di sicurezza. Il documento di riconoscimento fornito in fase di registrazione dovrà essere esibito il giorno della visita per l’accesso all’impianto. 
 
La partecipazione è gratuita. È possibile prenotarsi per un solo impianto e per un unico percorso. Non sono consentite prenotazioni di gruppo e non è ammesso l’accesso agli animali. 
 

Come si svolge Open Gate 2019 

Nel corso delle due giornate, sono previsti per i siti di Caorso, Garigliano e Trino due percorsi di visita: ‘Area industriale‘ e ‘Zona controllata‘. Per il sito di Latina è previsto un unico percorso, “Area industriale”. 
 
Il percorso “Area industriale” prevede la visita dell’ambiente, all’interno di un impianto nucleare, dove sono in corso attività di smantellamento e il cui accesso non è regolamentato da specifiche procedure ai fini della protezione dalla radiazioni ionizzanti. L’accesso a tale percorso è consentito sia ai maggiorenni che ai minori dai sei anni in su, obbligatoriamente accompagnati da un adulto, già iscritto all’evento, che ne assume la piena responsabilità (ovvero da chi esercita la potestà genitoriale oppure un suo delegato che dovrà presentare il giorno della visita la delega e la copia del documento di riconoscimento del delegante). 
 
Il percorso “Zona controllata” prevede la visita della zona controllata che, all’interno di un impianto nucleare, è un ambiente di lavoro delimitato il cui accesso, per motivi di protezione dalle radiazioni ionizzanti, è segnalato e regolamentato da specifiche procedure. L’accesso a tale percorso è consentito solo a uomini e donne, non in stato di gravidanza o allattamento, che abbiano già compiuto 18 anni al momento dell’iscrizione. È, dunque, vietato l’accesso ai minori, alle donne in stato di gravidanza o allattamento. L’accesso non è idoneo alle persone con mobilità ridotta. 
 
Per entrambi i percorsi (“Area industriale” e “Zona controllata”), la visita ha una durata di circa due ore, ma è necessario presentarsi con un’ora di anticipo rispetto all’orario prescelto per espletare le verifiche di accesso. 
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

28 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»