VIDEO | Dal rap alle vignette, in Sudan artisti in prima linea contro Bashir

A VPN is an essential component of IT security, whether you’re just starting a business or are already up and running. Most business interactions and transactions happen online and VPN
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Khartoum, ribellati”: dalla musica all’arte, sono tanti gli artisti sudanesi che si stanno mobilitando con questo ed altri slogan al fianco delle proteste contro il sistema di potere di Omar Al-Bashir. Un articolo apparso sul sito di notizie ‘Okay Africa’ ne passa in rassegna qualcuno. A cominciare dalla vignettista Alaa Satir, che con i suoi disegni sottolinea il ruolo delle donne nelle proteste. Ci sono poi l’artista AbdulRahman Al-Nazeer, che ha inondato il suo account Instagram di illustrazioni che inneggiano alla mobilitazione per il ‘nuovo Sudan’, o l’illustratore Abu Obayda Mohamed, la cui opera ‘Cry of Home’ è diventata virale. Anche fuori dal Paese alcuni artisti si sono attivati in solidarietà con i manifestanti: è il caso del produttore Sammani Hajo, basato in Qatar, che ha lanciato il brano ‘Sudan revolts’, e del rapper Osman, che dagli Emirati Arabi Uniti ha diffuso il brano ‘Tasgot bas’ (Vattene e basta).

“In assenza di libertà- spiega la giornalista Sara Elhassan- l’arte in tutte le sue forme è rimasta un mezzo per coloro che in Sudan vogliono dire a voce alta ciò che altrimenti può essere solo bisbigliato. E per la diaspora, l’arte è come un arazzo di cui ogni filo ci connette a casa”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

28 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»