AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE politica

Migliaia tra le strade di Roma contro Salvini: no alla xenofobia fascista

corteo anti salviniSono circa 35mila i manifestanti che oggi hanno sfilato da piazza Vittorio a Roma a Campo de’ Fiori per protestare contro la presenza del leader della Lega, Matteo Salvini, a Roma. È quanto riferiscono i leader della protesta: “Siamo un movimento cittadino, fatto di precari, giovani, disoccupati. Siamo venuti qui senza pullman pagati da qualcuno. Questa marcia dimostra che le lotte sono vive e che esiste davvero un’alternativa contro la xenofobia fascista”. Sono solo alcuni degli slogan scanditi dal carro che guida il corteo degli antagonisti #maiconsalvini che in questo momento sta percorrendo via Cavour.

Sempre alla testa della manifestaziine il gruppo hip hop romano ‘Assalti frontali’ ha intonato alcuni pezzi celebri tra cui ‘Roma meticcia’, ‘Lampedusa lo Sa’ e ‘Il lago che resiste’, canzone che racconta la storia del lago naturale ex-Snia a Prenestino.

Al centro del corteo inoltre anche i ‘Roma pride’ guidati dal portavoce Andrea Maccarrone: “Siamo oggi in piazza con lo striscione ‘Roma città aperta’ perchè Roma è una città accogliente, inclusiva e che non lascia spazio a logiche di esclusione. Vogliamo un Paese che guardi al futuro partendo anche dall’incontro delle culture e delle diversità, comprese quelle sessuali- ha detto Maccarrone- abbiamo aderito alla manifestazione indossando delle gonne in riferimento alla lotta per i diritti delle donne”.

“Roma gioiosa, che puó esse piuma e ‘pó esse’ ferro. Oggi è stata piuma”.  E’ la metafora romanesca, usata dai leader della protesta per descrivere il clima della colorita e festosa manifestazione.

Il corteo è sfilato senza tensioni o disordini con le forze dell’ordine, né alcun manifestante ha tentato di uscire dall’itinerario autorizzato per raggiungere l’altra manifestazione: quella organizzata dal leader della Lega, Matteo Salvini a piazza del  Popolo. Pochi anche gli esercizi commerciali che lungo il percorso hanno abbassato le saracinesche per precauzione. “Ciò che ha reso unica questa iniziativa- ha detto il portavoce nazionale dei Cobas, Piero Bernocchi- al di là del dato numerico che parla di circa 40mila partecipanti, è la coalizione incredibilmente ampia che vi ha partecipato. Associazioni, movimenti, semplici cittadini di ogni età. Un’atmosfera straordinaria per far capire cosa pensa questa città di un personaggio come Salvini e della sua mobilitazione”. Al momento la marcia degli antagonisti si trova a largo Argentina.

28 febbraio 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988