Liliana Segre all’hater anti-shoah sul web: “Mi fai pena come i bulli”

Liliana Segre, sopravvissuta al campo di sterminio nazista di Auschwitz, racconta che fra i tantissimi attestati di stima e i "likes" sui social, riceve anche qualche insulto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – All’odiatrice sul Web la senatrice Liliana Segre risponde: “Mi fai pena come i bulli, come chi grida che è più forte degli altri. Siamo tutti uguali, dobbiamo amarci l’uno con l’altro e l’amore deve vincere sull’odio. La vita vince sempre” .

Nel suo discorso di questa mattina a una cerimonia di commemorazione dell’Olocausto all’Istituto Tecnico Gentileschi di Milano, Segre, sopravvissuta al campo di sterminio nazista di Auschwitz, racconta che fra i tantissimi attestati di stima e i “like” sui social, riceve anche qualche insulto, tra cui, recentemente quello di una donna che, con parolacce, la invitava via social a smetterla di ripetere la stessa storia imparata a memoria.

Alla platea di studenti, professori, istituzioni e stampa della scuola milanese, Segre rivela che a volte emerge nel suo animo “pessimismo”, anche se “certo, non oggi, guardando voi studenti modello”, ma perche’ vedo “rigurgiti di anti-semitismo” e perche’ “ci sono docenti negazionisti da anni nelle universita’ italiane”.

La senatrice a vita si chiede, inoltre, che cosa succedera’ quando “moriremo noi testimoni vecchi”.

MIGRANTI. SEGRE: A SALVINI DOMANDEREI CIÒ SI CUI NON HO RISPOSTE

A Matteo Salvini “farei domande alle quali non so dare risposta, vorrei fare a lui queste domande e sentire da lui le risposte”. Cosi’ oggi da Milano la senatrice Liliana Segre, sopravvissuta al campo di sterminio nazista di Auschwitz, a margine di una cerimonia di commemorazione dell’Olocausto all’Istituto Tecnico Gentileschi. Circondata dai giornalisti che le chiedevano commenti sul caso della nave Sea Watch, Segre dichiara: “Perche’ fate a me queste domande? Se io avessi la possibilita’ di essere un’opinionista interessante forse non mi avrebbero fatto senatrice a 88 anni ma parte della politica italiana da prima”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

28 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»