Migranti, Zampa: “Legge 47/17 esempio di civilta’, bene Zingaretti”

"Sollecito il Governo ad assumere una iniziativa finalizzata allo sbarco immediato dei minori di età" della Sea Watch
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

 ROMA – “Ieri sera ho appreso notizie preoccupanti circa lo stato di salute fisica e psicologica dei ragazzi a bordo della Sea Watch 3. A quanto risulta i ragazzi ospitati sull’imbarcazione sono ‘non accompagnati’, cioè privi del sostegno di congiunti adulti. Per garantire ai minorenni in questa difficile condizione le tutele e la protezione necessarie, il Parlamento italiano votò a larghissima maggioranza, nel 2017, una legge che rappresenta in Europa un esempio di civiltà”. Lo dichiara dichiara Sandra Zampa, prima firmataria della Legge 47/17 e vice presidente del CIR.

“Il voto dei parlamentari a 5 stelle fu unanime. Tutti- sottolinea Zampa- hanno votato a favore delle nuove norme lavorando in Commissione sotto la guida della collega Dadone, rieletta nel 2018. Mi rivolgo a loro, e in particolare all’on.le Fico, oggi presidente della Camera, per denunciare la violazione di quella legge da parte del governo di cui sono maggioranza e per sollecitarli ad assumere una iniziativa finalizzata allo sbarco immediato dei minori di età. Proprio in queste ore il presidente della regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha annunciato la disponibilità ad accoglierli, una volta sbarcati, e di inserirli come previsto dalla legge in percorsi di scolarizzazione e integrazione. Si tratta di un gesto di umanità e di intelligenza- conclude- che fa la differenza tra chi serve il proprio Paese mettendo la dignità delle persone al primo posto, e rispettandone le leggi, e chi invece serve le ragioni di un consenso di parte, incapace di mettersi al servizio del bene comune”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

28 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»