AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE toscana

Svendita immobili, Giani: “Serve molta più cautela. E Palazzo Bastogi non si tocca”

FIRENZE – “Bisogna vedere questa cose con molta più attenzione e cautela di quanto è stato un po’ lanciato sui giornali, perché non è il momento, si rischia di svendere degli immobili e, soprattutto, vedendo l’elenco che io prima non conoscevo, mi ha preoccupato, e parto da quello che mi interessa di più, Palazzo Bastogi”. Lo ha affermato il presidente del Consiglio regionale, Eugenio Giani, parlando a margine della seduta odierna dell’assemblea toscana, in merito al piano di alienazioni degli immobili per oltre 700 milioni di euro pensato dalla Giunta.

bastogi_firenze

Palazzo Bastogi

“Noi abbiamo fatto come Consiglio, sei mesi fa, appena arrivati, un progetto che ha portato a dismettere tante sedi in cui pagavamo l’affitto, per concentrare molte nostre attività, come Corecom, Difensore civico, l’Aigre, i Garanti, nell’immobile di proprietà che è Palazzo Bastogi- ha proseguito-. Poi me lo trovo nell’elenco di quelli che devono essere venduti. Deve essere un procedimento che non è partito dal presidente Rossi, ma da una logica di razionalizzazione degli uffici. Sono convinto che potremo, col presidente, dialogare e riportare i punti sulle ‘i’ su un’idea, quella delle dismissioni, che è giusta, ma non ci deve far prendere la mano per fare operazioni che ci costringano a rimettere in affitto i nostri uffici”.

di Carlandrea Poli, giornalista

28 gennaio 2016

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988