Su Netflix arriva la serie ‘Baby’, De Sica: “Non è sulle squillo dei Parioli”

Dal 30 novembre sulla piattaforma streaming

Condividi l’articolo:

ROMA – Adolescenti dei Parioli, bisogno d’amore, noia, occhi spenti, mancanza di stupore, social e sentimenti sterili. Queste sono le caratteristiche dei primi due episodi della serie originale Netflix – disponibile dal 30 novembre – presentati questa mattina al cinema Giulio Cesare di Roma. Le protagoniste della storia – diretta da Andrea De Sica e Anna Negri, mentre la scrittura e’ stata affidata ai Grams, un collettivo di giovani autori: Antonio Le Fosse, Eleonora Trucchi, Marco Raspanti, Giacomo Mazzariol e Re Salvador, con il contributo degli scrittori Isabella Aguilar e Giacomo Durzi – sono Chiara (Benedetta Porcaroli) e Ludovica (Alice Pagani), due minorenni dei Parioli (quartiere borghese della Capitale) impegnate nella disperata ricerca d’amore in una dimensione vuota e priva di equilibrio. Loro non sono baby squillo ma due anime fragili che sfidano la societa’ ricercando la propria identita’ e indipendenza, sullo sfondo di amori proibiti, pressioni familiari e segreti condivisi. “La cronaca e’ stata solo uno spunto- ha dichiarato De Sica- Dal caso delle baby squillo abbiamo iniziato a costruire dei personaggi che avessero la stessa ambiguita’. Ogni personaggio della serie ha un problema che accomuna tutti. La prostituzione e’ solo una delle possibili declinazioni. In ‘Baby’ ci sono degli adolescenti che presentano un dualismo: sensualita’ perche’ sono affascinanti e ambiguita’ perche’ sono anche inquietanti e non si capisce fino a dove possono arrivare”. 

Al centro del racconto non ci sono le baby squillo che nel 2014 hanno occupato le cronache, ma l’amicizia e l’amore che tentano di fare scudo alla solitudine e alla vacuita’ in cui vivono Chiara e Ludovica. Emozionante, empatica, vera, senza filtri: questa e’ ‘Baby’, una serie fatta da giovani talenti che si pone come un prodotto che va oltre le regole di mercato e oltre ogni stereotipo. “Io conosco di vista le ragazze coinvolte nello scandalo perche’ frequentavamo le stesse zone e quindi ho sentito una responsabilita’ enorme- ha raccontato la Porcaroli in conferenza- Chiara e’ un personaggio particolare. Mi sono innamorata subito di lei perche’ e’ come se avesse vissuto tutta la sua vita comportandosi secondo il volere degli altri. Ad un certo punto della serie ci sara’ un cambiamento e lei rivelera’ il suo carattere reale quando per la prima volta fara’ delle sue scelte, ovvero prostituirsi”. “Ludovica penso che sia molto fragile- risponde la Pagani- Non avendo stabilita’ in famiglia, lei ricerca costantemente rapporti autentici ed emozioni e non essendo protetta da nessuno non sa come reagire alle diverse situazioni. E’ l’incontro con Chiara che la fa uscire dal suo essere in balia delle onde, Ludovica non e’ piu’ sola con i suoi pensieri. Spero di essere riuscita a far passare l’essenza del personaggio che interpreto attraverso la camera”. Nel cast Benedetta Porcaroli (Chiara), Alice Pagani (Ludovica), Chabeli Sastre Gonzalez (Camilla), Riccardo Mandolini (Damiano), Brando Pacitto (Fabio), Mirko Trovato (Brando), Lorenzo Zurzolo (Niccolo’), Isabella Ferrari (Simonetta), Claudia Pandolfi (Monica), Paolo Calabresi (Saverio), Galatea Ranzi (Elsa) e Massimo Poggio (Arturo).

Leggi anche:

27 Novembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»