Matera, arriva ‘La persistenza degli opposti’ di Salvador Dalì

Sarà presentata alla stampa giovedì 29 novembre 2018 la mostra ‘Salvador Dalí – La persistenza degli Opposti’.

Condividi l’articolo:

NAPOLI – Conto alla rovescia per la presentazione alla stampa della mostra ‘Salvador Dalí – La Persistenza degli Opposti’ in programma nella per giovedì 29 novembre alle 11 nel complesso rupestre di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci a Matera. La conferenza stampa sarà preceduta dalla visita in anteprima della mostra riservata ai giornalisti.

All’appuntamento interverranno: Beniamino Levi, presidente della Dalí Universe; Patrizia Minardi, coordinatrice per le attività internazionali della Dalí Universe; Franco Vizziello, presidente dell’associazione culturale Circolo La Scaletta; Roberto Pantè, direttore creativo di Phantasya srl. Gli interventi saranno preceduti dal saluto del sindaco di Matera Raffaello De Ruggieri.

L’esposizione, aperta al pubblico dal 2 dicembre prossimo e fino al 30 novembre 2019, è stata curata da Levi, numero uno della società specializzata in Salvador Dalí che gestisce una delle più grandi collezioni private di opere d’arte dell’artista al mondo. La direzione artistica de ‘La Persistenza degli Opposti’ è firmata Roberto Pantè.

Ad affiancare Dalí Universe nell’organizzazione è stato il Circolo La Scaletta, associazione culturale impegnata da oltre mezzo secolo nella conservazione e valorizzazione del patrimonio storico, artistico e ambientale della città, e con il patrocinio del Comune di Matera, impegnato nelle installazioni esterne sul territorio urbano.

Circa duecento le opere autentiche di Salvador Dalí in esposizione che costituiscono un percorso tematico che indaga all’interno della psicologia e dell’ispirazione artistica del genio di Figueres. Tre sculture monumentali, l’Elefante Spaziale, il Piano Surrealista e la Danza del Tempo II sono state montate nelle vie del centro storico di Matera; le altre, che comprendono sculture museali grandi e piccole, illustrazioni, opere in vetro, libri illustrati e arredi, sono state collocate nella cornice suggestiva del complesso rupestre di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci nel cuore dei Sassi di Matera.

La mostra illustra un lato artistico meno noto del maestro catalano. Salvador Dalí è stato infatti non solo un pittore, ma anche un artista poliedrico ed eclettico a cui sono stati attribuiti meriti come scultore, scrittore, illustratore, regista, designer di gioielli e sceneggiatore.

“La pittura è una parte infinitesimale della mia personalità” ebbe a dire lo stesso Dalí di se stesso. Uno degli aspetti principali dell’opera completa di Dalí risiede nella creazione di una collezione di sculture museali in bronzo. La passione e il travolgente desiderio di esprimersi nel campo della scultura sono stati una costante della sua vita, dal 1934 fino al 1987.

Dalí era affascinato da questa tecnica artistica e ha concepito una serie di modelli originali da tramutare in sculture e oggetti surreali. In tal modo il suo genio creativo ha potuto manifestarsi nella tridimensionalità, trasformando in sculture quelle che restano tra le più famose ed amate immagini iconografiche create dall’artista nel corso della sua vita.

‘La Persistenza degli Opposti’ approfondisce quattro temi cari all’artista. Quattro dicotomie – il tempo, millenario e fugace; l’involucro duro e il contenuto molle; la dialettica tra religione e scienza; la metamorfosi della realtà in surrealtà – si susseguono nel percorso museale e accompagnano il visitatore, in una mostra unica nel suo genere.

La mostra si arricchisce di una serie di exhibit multimediali che rendono il percorso multisensoriale e ampliano la percezione emozionale del visitatore e ne fanno un evento fortemente innovativo rispetto alle precedenti esposizioni dedicate a Dalí. Ologrammi, realtà virtuale, proiezioni 3D, video mapping, sono fra gli exhibit di impatto sensoriale prodotti da Phantasya srl che completano la fruizione delle opere dell’artista e definiscono una esperienza completa e totalmente immersiva.

La presenza di un’area cinema con la proiezione di un docufilm dedicato alla mostra e di un laboratorio multimediale a scopo didattico costituiscono ‘La Persistenza degli Opposti’ interessante per un pubblico più ampio e anche più giovane.

Leggi anche:

27 Novembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»