AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE politica

Scintille tra Salvini e Berlusconi; Papa in Myanmar; Gentiloni: “Futuro Ue è in Africa”


Ecco i titoli e il tg politico realizzato dall’agenzia Dire.

SCINTILLE TRA BERLUSCONI E SALVINI SUL FUTURO PREMIER

Il candidato premier in comune, ancora non c’e’. Ma anche solo sulle ipotesi, Silvio Berlusconi e Matteo Salvini non vanno d’accordo. Se ieri il presidente di Forza Italia indicava nel generale Leonardo Gallitelli il profilo di un possibile premier di centrodestra, oggi Salvini, ospite di Radio 24, non nasconde lo stupore: “Questa non l’avevo mai sentita…”, dice. Ed aggiunge che nel corso della riunione con Berlusconi a Catania, gli aveva chiesto di non parlare dei futuri ministri. “Perché non ne abbiamo mai parlato; e perché è l’ultima delle cose che gli italiani sono interessati ad ascoltare”, aggiunge Salvini.

ARRIVA IL FONDO PER CHI ASSISTE PARENTE MALATO

Arriva un fondo da 60 milioni di euro per i ‘caregiver’, le persone che si prendono cura dei familiari non autosufficienti. L’emendamento alla manovra è stato sottoscritto da tutti i gruppi e approvato all’unanimità. Via libera anche al credito di imposta per le librerie e al testo di Ala che istituisce l’albo dei procuratori sportivi. Una delegazione della Cgil guidata da Susanna Camusso ha incontrato i capigruppo del Pd Rosato e Zanda: il tema previdenziale non è chiuso, il dialogo prosegue. Intanto a Montecitorio arriva la protesta dei lavoratori in appalto dalla Castelfrigo. A rischio 123 posti di lavoro.

GENTILONI, FUTURO DELL’EUROPA SI GIOCA IN AFRICA

“Il futuro dell’Europa si gioca in Africa”. Il presidente del consiglio Paolo Gentiloni in visita in Angola spiega che l’Italia ha un interscambio di 34 miliardi di euro in Africa. Puo’ crescere molto. L’anno scorso l’Italia con quasi 12 miliardi e’ stato il primo investitore europeo e il terzo mondiale nell’Africa subsahariana. In Angola, il governo ha firmato un accordo di cooperazione tra l’Eni e l’ente energetico locale, Sonangol.

IL PAPA IN MYANMAR, ATTESI 6MILA GIOVANI

Sarà una grande festa con canti e musiche tradizionali, vestiti colorati e danze di benvenuto che già da qualche tempo i giovani di tutte le diocesi del Myanmar stanno preparando per accogliere papa Francesco. L’appuntamento è fissato per il 30 novembre: prima di partire dall’aeroporto di Yangon per la seconda tappa del viaggio apostolico in Bangladesh, il Papa celebrerà per i giovani una Messa nella cattedrale di Saint Mary. Ne sono attesi 6mila di 8 gruppi etnici diversi.

27 novembre 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988