Africa, Bruxelles sfida Pechino: l'UE prepara il suo 'piano Marshall' ma la Cina rilancia - DIRE.it

Mondo

Africa, Bruxelles sfida Pechino: l’UE prepara il suo ‘piano Marshall’ ma la Cina rilancia


ROMA – Prima del vertice politico tra l’Unione Africana e l’Unione Europea di mercoledì e giovedì, Abidjan accoglie un summit economico da oggi a domani per rilanciare i temi degli investimenti in ambiti chiave per le aziende e i governi di entrambi i blocchi. Ma contemporaneamente a questo incontro se ne svolge un altro quasi identico a Marrakesh: il China-Africa Investment Forum dal titolo ‘Aprire un nuovo capitolo del partenariato economico sino-africano’.

Come riferisce l’ambasciata del Marocco in Italia sul suo sito web “questa edizione, che vedrà la partecipazione di oltre 400 responsabili economici cinesi e africani di alto livello, analizzerà le condizioni necessarie affinché il partenariato economico sino-africano raggiunga il suo pieno potenziale”.

Se l’Europa cerca quindi di rafforzare la sua presenza in uno dei mercati più dinamici del mondo, come valutano vari quotidiani internazionali potrebbe arrivare troppo tardi, poiché la competizione con la Cina sarebbe ormai un ostacolo troppo grande. Pechino e le aziende cinesi sono risultate il primo investitore assoluto in Africa nel 2016, poiché hanno raggiunto – secondo dati Ocse, African Development Bank (Adb) e Onu – la cifra record dei 30 miliardi di dollari. Sarebbero poi circa 10mila gli operatori economici cinesi già presenti nel continente africano.

L’Ue ad ogni modo ad Abidjan tenterà di trovare un suo spazio a partire da agribusiness, infrastrutture, rinnovabili e digital economy. Tutti ambiti fondamentali per lo sviluppo di un continente che entro il 2050 vedrà la propria popolazione raddoppiare, portando i consumi interni a toccare i quattro triliardi di dollari entro il 2025. Le diplomazie europee – convinte che le loro aziende posseggano un buon know-how – ne hanno già discusso coi partner africani nell’incontro preparatorio di Bruxelles della scorsa settimana, durante il quale è stata confermata la previsione di investimenti per 44 miliardi per rinnovare l’alleanza. Di questi però, solo 3 sono pronti all’uso: circa il 10 per cento di quanti la Cina ne ha garantiti nei 12 mesi dello scorso anno.

di Alessandra Fabbretti, giornalista

27 novembre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»