M5S, Di Maio a Berlusconi: “La rivoluzione liberale la faremo noi, lui non è stato capace”


ROMA – “Sono una decina di giorni che Berlusconi e Renzi mi attaccano continuamente perché sanno di stare dietro nei sondaggi ma anche nel Paese”. Luigi Di Maio, candidato premier del Movimento 5 stelle, commenta ai microfoni di ‘6 su Radio 1’ le dichiarazioni che i suoi avversari hanno rilasciato su di lui.

“Loro- aggiunge- mi attaccano ma io non gli rispondo. Mio padre votava Berlusconi perché aspettava la rivoluzione liberale, quella dell’abbassamento delle tasse e della sburocratizzazione. In 20 anni Berlusconi non è stato capace. La faremo noi questa rivoluzione, porteremo avanti quel disegno che lui voleva portare avanti per le imprese ma non è stato capace”.

Berlusconi, conclude Di Maio, “È un simpatico signore che fa delle bellissime battute ma sta utilizzando con noi i metodi che la sinistra utilizzava con lui e infatti la sinistra perdeva sempre quando lo attaccava in maniera bieca e aggressiva. Io non ci casco in questa cosa”.

27 Novembre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»