Franceschini: Mantova è la capitale italiana della cultura per il 2016 - DIRE.it

Lombardia

Franceschini: Mantova è la capitale italiana della cultura per il 2016

ROMA – E’ Mantova la Capitale italiana della cultura per il 2016. Ad annunciarlo il ministro dei Beni e delle Attivita’ culturali e del Turismo, Dario Franceschini, in una conferenza stampa al Collegio romano convocata al termine dei lavori della Giuria di selezione, presieduta da Marco Cammelli, che ha consegnato nelle mani del ministro la busta sigillata con il nome della citta’ designata Capitale italiana della cultura 2016. Mantova ricevera’ un milione di euro di finanziamento dal Mibact, oltre all’esclusione dal patto di stabilita’ delle risorse investite per la realizzazione del progetto. Le dieci citta’ finaliste erano Aquileia, Como, Ercolano, Mantova, Parma, Pisa, Pistoia, Spoleto, Taranto e Terni.

Mantova

SINDACO: NON ME L’ASPETTAVO, MA È CITTÀ UNICA – “Non me l’aspettavo. Non e’ solo un milione di euro che ci arrivera’, che naturalmente di questi tempi non fa male, ma il riconoscimento di una citta’ straordinaria, unica. Una piccola citta’ che pero’ ha una vocazione internazionale e un patrimonio straordinario”. Sono queste le prime parole di Mattia Palazzi, sindaco di Mantova da 4 mesi, subito dopo l’annuncio della vittoria della sua citta’ eletta Capitale italiana della cultura 2016. Palazzi ha partecipato alla affollatissima conferenza stampa al Collegio romano in cui il ministro Franceschini ha svelato il nome della citta’ scelta da una commissione su una rosa di dieci finaliste. Palazzi ha spiegato che oltre al milione di euro che Mantova ricevera’ dal Mibact, “stiamo stanziando 3 milioni di euro sul recupero del patrimonio”, che e’ uno dei punti cardine del progetto presentato per la competizione. “Stiamo cercando di aprire la citta’ al mondo molto di piu’- ha detto Palazzi- stiamo investendo sul restauro e il recupero del patrimonio culturale, sulla rigenerazione urbana, sulla fiducia in una citta’ che ha voglia di esserci, di crederci e di contare molto di piu’ nel Paese e in Europa. Questo riconoscimento ci da’ la forza di portare avanti il lavoro che abbiamo iniziato anche con la nuova amministrazione. Sono quattro mesi che sono sindaco della mia citta’ ed e’ un lavoro importante, un lavoro che dice che in questo Paese la cultura premia e lavorare sulla cultura e’ uno dei fattori importanti anche per lo sviluppo economico del Paese”.

27 ottobre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»