La telemedicina è la risposta all’emergenza del Servizio sanitario nazionale

BARI – “Per via dell’andamento demografico ci sarà in futuro un’incidenza maggiore delle patologie croniche. Il tema richiede una riflessione, perche’ il sistema sanitario non riesce a rispondere all’aumento di domanda. Quindi, per trovare un sistema sostenibile si deve fare leva su delle soluzioni che portino a una maggiore efficienza ed efficacia soprattutto dei servizi sul territorio e verso il domicilio del paziente. Sanità digitale e telemedicina rappresentano queste soluzioni”. Lo ha detto, nel corso del Congresso nazionale Aisdet, a Bari, Paolo Locatelli, responsabile scientifico dell’Osservatorio per l’Innovazione digitale in Sanità del Politecnico di Milano.

“Le soluzioni digitali possono abilitare questa trasformazione del sistema di erogazione dei servizi sanitari e socio-sanitari. Io parlo di come è possibile utilizzare soluzioni innovative, le stesse che i pazienti cronici chiedono da tempo. Ci vorrebbe- ha spiegato Locatelli- una maggiore integrazione fra quelli che sono i progetti locali e i progetti regionali per far sì che interagiscano e mettano a fattore comune i dati, le prestazioni e gli esiti di queste prestazioni relative ai pazienti”.


27 settembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»