“Parlà lumbard l’è bel”, e ora lo si imparerà a scuola

scuola_maturità_Giovani 20ROMA – La lingua lombarda insegnata a scuola. C’è anche questo nel disegno di legge regionale che prevede il riordino normativo delle iniziative legate alla cultura approvato dal Consiglio regionale con 39 voti favorevoli e 29 astenuti su 68 votanti. La legge, molto articolata, si impegna a riordinare una normativa regionale piuttosto frammentata e si prefigge vari obiettivi tra cui appunto quello che viaggia accanto alla proposta di valorizzare la lingua lombarda fin dai banchi di scuola: “C’è chi vuole portare l’ideologia gender nelle scuole, noi preferiamo portare la cultura lombarda“, spiega l’assessore regionale alla Cultura, Cristina Cappellini, aprendo il suo intervento in Consiglio. Una disposizione, quella della maggioranza, che ovviamente non ha convinto né M5s, né Pd e né Patto civico, portando i tre partiti di opposizione ad astenersi. L’opposizione, pur riconoscendo vari “punti di luce” in una riforma “che si impegna a fare ordine su normative fin ora troppo vaghe e frammentate”, sul punto della lingua lombarda “profuma di propaganda“, come dichiara il capogruppo di Patto civico Roberto Bruni. Il consigliere di opposizione, con una visione condivisa sia dai consiglieri Pd Enrico Brambilla e Fabio Pizzul che dal pentastellato Andrea Fiasconaro, oltre a mettere in dubbio l’esistenza stessa della lingua lombarda, imputa alla giunta regionale “un eccessivo conservativismo in stile difensivo”.

I rappresentati della minoranza da Bruni alla collega di movimento Daniela Mainini, da Brambilla a Pizzul, concordano sul fatto che la lingua lombarda non esiste e si è persa l’occasione invece di valorizzare le vere identità linguistiche, ossia i dialetti, che differiscono molto l’un dall’altro ma che almeno quelli sì sono riconosciuti come idiomi identitari.

“Questa legge di riordino in tema di cultura nasce da un’esigenza sacrosanta ma la logica conservativa e un po’ passatista che ne ispira alcuni importanti passaggi getta purtroppo un’ombra inquietante anche sui diversi aspetti positivi del testo”, dichiara Bruni, mentre Mainini è ancora più netta: “Lo dicono esperti e studiosi, lo testimoniano i pareri degli istituti linguistici delle Università di Milano e Pavia: la lingua lombarda è inesistente“. E su questo fatto “la Lega non riesce a farsene una ragione. Occorreva- continua Mainini- parlare di valorizzazione della molteplicità dei dialetti lombardi, del patrimonio linguistico lombardo. Invece hanno scelto una strada identitaria fondata su premesse sbagliate, rinnegando anche la possibilità di un dialogo tra religioni diverse, necessario oltre che culturalmente arricchente. E hanno così compromesso l’intero lavoro”.

scuola classe vuotaQuale idea di cultura c’è dietro questo progetto di riordino? “Francamente abbiamo fatto fatica a capirlo. Mi sembra una legge senz’anima, senza idee, compilativa”, dice il dem Pizzul, che nel disegno di legge riconosce tre parole: “conservazione, identità e tradizione. Il tutto riletto in maniera localistica e tendenzialmente nostalgica. Ma la cultura della Lombardia che guarda al futuro può basarsi su questi atteggiamenti?” Si chiede e si domanda se la Lombardia possa “vincere le sfide che il mondo attuale le pone di fronte semplicemente pensando a difendere il proprio passato, per non parlare delle risorse messe a disposizione delle politiche culturali”, che nel 2010 erano 52 milioni, mentre oggi appena 18. “Si parla di cultura lombarda, ma non si trovano i soldi per sostenerla davvero”, conclude il democratico.

di Nicola Mente, giornalista

27 settembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»