Emilia Romagna

Housing sociale, a Modena 25 alloggi per chi redditi bassi

modena_housing_bonaccini_muzzarelliMODENA – Una nuova casa per chi non si può permettere i canoni di locazione del mercato privato. Sono 25 gli alloggi di housing sociale – soluzioni abitative a canone agevolato finanziate con una collaborazione pubblico-privato – destinati a giovani coppie, famiglie con un solo genitore, nuclei familiari di anziani, che sono stati inaugurati questa mattina a Modena, alla presenza del presidente della Regione, Stefano Bonaccini e del sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli, che hanno prima di ogni cosa ricordato le vittime del sisma nella giornata di lutto nazionale. Il nuovo edificio, situato in via Forghieri, si inserisce nella rigenerazione urbanistica e sociale del comparto ex Mercato bestiame.

Per realizzarlo sono stati investiti 4.7 milioni di euro, 2.7 dei quali finanziati per l’efficienza energetica dalla Regione Emilia-Romagna e dal ministero delle Infrastrutture. “Dobbiamo prevenire il disagio abitativo e garantire alloggi a prezzi accessibili, perché l’abitare è un fattore primario di coesione sociale: senza un’abitazione stabile e dignitosa le famiglie rischiano l’esclusione sociale”, ha detto Bonaccini. L’edificio si sviluppa su quattro piani, ha tipologie abitative di diverse dimensioni tra i 55 e i 95 metri quadri, e oltre 800 metri quadri di uffici a piano terra. Una corte interna riparata è organizzata come un piccolo parco e attrezzata con giochi per bambini.

27 agosto 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»