AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE lavoro in diretta

Il lavoro in DIREtta – Le notizie dal territorio

Il mondo del lavoro e non solo. Ogni giorno in Italia il tema dello sviluppo economico, dei rapporti tra imprenditori e lavoratori assumono i contorni piu’ diversi. Qui la ragione di ‘Lavoro in DIREtta’ lo speciale della Dire in collaborazione con i colleghi di Rassegna (www.rassegna.it). Buona lettura (anche su www.dire.it).

Atac (Rm): sindacati, no privatizzazioni ma progetto serio

“Da tempo abbiamo indicato quale sia la soluzione per il trasporto pubblico locale delle regione e della Capitale: l’azienda unica a capitale pubblico”. Così Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti. “Marino e Zingaretti si sono incontrati per affrontare la crisi di Atac e per parlare di futuro. Bene, non commettano gli errori delle giunte del passato e non continuino a pensare che la soluzioni siano quelle di raschiare ancora il barile e tirare a campare. Basta con il conflitto tra Comune e Regione sui contratti di servizio e sul differimento delle risorse. Serve un progetto serio, quello che Marino stesso, nella conferenza stampa di ieri, ha ammesso di non esserci stato fino a ora, un progetto che metta insieme le risorse e costruisca un servizio efficiente per la città e per la regione, fatto di integrazione tra gomma e ferro”.

“Noi abbiamo sottoscritto una settimana fa un accordo che dà ad Atac un aumento della produttività portandola ai livelli di efficienza delle major. Non si vanifichi questo risultato. Il Comune e la Regione facciano la loro parte: le risorse servono, certo, ma soprattutto serve un progetto, quello che manca da troppi anni in questo settore. Parlare vagamente di privatizzazione di Atac, come ha fatto il sindaco, significa fare dieci passi indietro e riproporre la solita trita soluzione che distrugge anche quel poco che c’è di buono, come è avvenuto in vent’anni di privatizzazioni in Italia. È certo che il percorso che indichiamo di costruzione di un’azienda unica a capitale pubblico non può prescindere da un management che sia all’altezza, cosa questa di cui anche la proprietà pare aver preso coscienza”, concludono i sindacati.

Teatro San Carlo: Slc, ottimo risultato al rinnovo Rsu

Il 23 e 24 luglio si sono tenute le elezioni per il rinnovo della Rsu all’interno del Teatro San Carlo di Napoli. “L’esito del voto attribuisce alla Slc Cgil Napoli e Campania 6 Rsu su 12 con il 50% delle preferenze, assegnando alla nostra organizzazione la maggioranza dei rappresentanti sindacali” si legge in un comunicato sindacale”. 3 Rsu vanno alla Fistel Cisl, 2 alla Uilcom Uil ed 1 al Fials. “Questo risultato, continua la nota, premia il lavoro che la Slc ed i suoi rappresentanti hanno svolto in questi anni all’interno del Teatro, sottoscrivendo responsabilmente, un anno fa, l’accordo che ha consentito al teatro stesso di accedere ai fondi della Legge Bray. La nostra organizzazione ha sempre valorizzato il mondo delle masse artistiche e dei lavoratori tecnico amministrativi, impegnandosi per la stabilizzazione dei precari e valorizzando il mondo della cultura come volano dell’occupazione e del rilancio del Mezzogiorno”. “La fiducia attribuita dalle lavoratrici e dai lavoratori rinnova il nostro impegno e, a partire da subito, la nostra organizzazione e le Rsu apriranno un tavolo di confronto per definire orari, secondo livello, qualificazione del personale interno, impegnandosi affinché la Fondazione possa mantenere un livello di eccellenza, così da confermarla tra quelle di maggiore qualità sul territorio nazionale. Ringraziamo tutte le lavoratrici ed i lavoratori che hanno sostenuto i candidati della lista Slc Cgil Napoli e Campania ed i nostri dirigenti che, all’interno del Teatro, hanno seguito quotidianamente le specificità e le problematiche di ogni settore”.

Coop Sims (Ct): sindacati, 49 lavoratori rischiano il posto

“Non ci sono buone nuove per i lavoratori della Coop Sims di Catania, 49 dei quali sono a rischio licenziamento. E’ quanto riporta un comunicato sindacale. “Nonostante l’eclatante protesta dei mesi scorsi ( sono rimasti sopra i tetti dell’Asp per settimane) e nonostante le rassicurazioni della Regione, la vertenza ha assunto toni sconfortanti, e oramai la battaglia prosegue a suon di denunce, una delle quali è stata già presentata alla Procura della Repubblica”. Oggi lunedì 27 luglio, alle10,30, di fronte ai locali Asp di via S.Maria La Grande 5, i lavoratori e i rappresentanti di Cgil e Uil, Fiom e Uilm , il segretario generale Cgil Giacomo Rota, con Rosaria Leonardi responsabile Dipartimento Servizio pubblico e il segretario Fiom Stefano Materia, insieme al segretario generale della Uil Fortunato Parisi e al segretario Uilm, Matteo Spampinato, incontreranno i giornalisti.

Corriere Mercantile: Slc, il giornale storico di Genova chiude i battenti

Oggi lunedi 27 luglio il Corriere Mercantile e la Gazzetta del Lunedì sospenderanno le pubblicazioni. “Da diversi anni la situazione del giornale era pesante ma i noti problemi dell’editoria da un lato e il nuovo sodalizio tra Secolo e Stampa hanno messo in ginocchio una realtà preziosa quanto fragile”, dice la Slc di Genova. “In questi giorni Slc, categoria della Cgil che tutela i poligrafici, si sta adoperando per garantire ai lavoratori gli ammortizzatori sociali, ma oltre a questa drammatica situazione la città perde un punto di riferimento importante per la capacità del giornale di offrire ad ogni voce pari dignità e visibilità. Ogni volta che chiude una testata – e Genova purtroppo negli ultimi anni ne ha perse diverse – la sconfitta è di tutti, dei lavoratori e della comunità, che oltre ad un presidio economico perde un tassello di democrazia.

Reggio Calabria: Filcams, licenziati lavoratori Iracarni

“Con le lettere di licenziamento per i lavoratori della Iracarni alimentari Srl di via Pio XI si è conclusa nel peggiore dei modi la storia di una azienda che aveva 37 persone alle proprie dipendenze. Insieme ai lavoratori e alle loro famiglie che pagano il prezzo più caro, un intero territorio subisce un ulteriore colpo al proprio sistema economico. Infatti con la fine del contratto di solidarietà l’azienda ha aperto una procedura di licenziamento collettivo e, la proprietà ha provveduto a mandare a casa tutti i dipendenti”. Così la segretaria generale della Filcams Cgil di Reggio Calabria Samantha Caridi.

“A nulla sono serviti gli incontri con la proprietà e i sacrifici che tutti i lavoratori in assemblea avevano deciso di sopportare fino a ridursi temporaneamente l’orario di lavoro al fine di scongiurare i licenziamenti. Stessa sorte sembra coinvolgere anche i lavoratori del negozio di Santa Caterina che pur operando sotto una diversa ragiona sociale, “Si supermercati Iracarni Srl” hanno già ricevuto la lettera con cui comunica la risoluzione del rapporto di lavoro. Due aziende storiche di Reggio Calabria specializzate nella vendita di generi alimentari con dietro un’unica famiglia composta dalla sig.ra Maria Cristina Amodeo e dal figlio Gianpaolo Iracà. E’ evidente che la responsabilità di aver condotto due aziende alla chiusura non può solo essere della crisi economica che imperversa ma anche di chi ha operato con scelte gestionali probabilmente errate. Come Filcams Cgil con tutti i lavoratori verificheremo e chiederemo la massima attenzione affinché, anche in un eventuale fase di cessione del compendio aziendale, si determinino le condizioni affinché si affaccino imprenditori interessati al rilancio e alla ricollocazione dei lavoratori”.

Cagliari: Cgil, il 28/7 conferenza stampa su slacci servizio idrico

Domani mattina alle 10.30, nel salone della Camera del Lavoro Cgil in viale Monastir 15 a Cagliari, conferenza stampa sul problema degli slacci del servizio idrico agli utenti morosi da parte di Abbanoa. Partecipano: Andrea Pusceddu, presidente Federconsumatori Sardegna, Giorgio Vargiu, presidente Adiconsum Sardegna, Giorgio Vidili, delegato Cittadinanzattiva Sardegna, Federica Deplano, responsabile Movimento difesa del cittadino Sardegna, Monica Satolli, segretaria Unione consumatori Sardegna.

Roma, oggi presentazione graduatoria 2015 Comuni turisticamente sostenibili

Lunedì 27 luglio alle 17 presso Terrazza Caffarelli (Campidoglio, Roma) verrà svelata la classifica dei Comuni sostenibili turisticamente in relazione alla spesa pubblica locale. Lo studio è stato condotto dall’Osservatorio nazionale spesa pubblica e turismo sostenibile, promosso da Ebnt con la partecipazione dell’UPI, della Provincia di Rimini e dell’Associazione Bruno Trentin-Isf-Ires Nazionale, si avvale della collaborazione del Network degli Osservatori sui Bilanci degli Enti Locali. Lo riferisce una nota dell’Associazione Bruno Trentin. Alla presentazione, moderata dal giornalista Andrea Pancani, interverranno: il Vice Presidente del Senato On. Maurizio Gasparri, l’On. Tiziano Arlotti, membro della Commissione Parlamentare per le Attività Produttive, Commercio e Turismo (PD), Marco Bruschini Direttore Generale F.F. ENIT, Roberto Vitali Presidente Village 4 All, Alfredo Zini, Presidente EBNT, Lucia Anile, Vicepresidente EBNT e Elena Battaglini, Responsabile Scientifico della Ricerca per Associazione Bruno Trentin. Il progetto si pone l’obiettivo di generare un aumento degli investimenti destinati al settore del turismo e al suo sviluppo sostenibile contribuendo a una spesa pubblica trasparente, efficiente ed efficace, che metta in rete il sistema turistico italiano.

Bombardier Vado Ligure (Sv), Fiom: gara Trenitalia va fatta entro l’anno

Se la gara indetta da Trenitalia per i treni regionali non dovesse farsi entro l’anno corrente si rischia un forte ridimensionamento del sito Bombardier di Vado Ligure (Sa), con una riduzione notevole degli attuali livelli occupazionali e con conseguenze drammatiche per la sopravvivenza del sito  stesso. La denuncia arriva dalla Fiom Cgil di Savona e dalle Rsu aziendali. “Il trasporto locale è una priorità per milioni di passeggeri e di conseguenza per Trenitalia. Lo dimostrano gli svariati miliardi di euro (dichiarati anche dall’ Ad di Trenitalia) che auspichiamo verranno investiti a partire da fine 2015 a inizio 2016, la stragrande maggioranza di questi verranno destinati per il miglioramento del servizio regionale e quindi ai treni a potenza distribuita. Con altri quattro miliardi per acquistare ulteriori 500 treni si potrebbe rinnovare l’intera flotta regionale e dare una svolta significativa alla mobilità locale”. Sono le parole di Michele Mario Elia, amministratore delegato di Ferrovie dello Stato Italiane. “Oggi possiamo sicuramente dire- concludono i sindacati- che Bombardier ha il prodotto più avanzato, con elevato confort e massima flessibilità e funzionalità, che sono le caratteristiche che sempre di più sono necessarie per chi ogni giorno utilizza i mezzi di Trenitalia, ormai più di 2 milioni di pendolari all’anno”.

Pompei: Tavella (Cgil), Renzi ci risparmi paternali

“Il sindacato sa come difendersi. Il presidente del Consiglio ci risparmi le sue patetiche paternali”. E’ quanto afferma il segretario generale della Cgil Campania, Franco Tavella. “La Cgil – precisa Tavella – ha da subito condannato senza indugi, per l’ennesima volta, le forme di protesta messe in atto a Pompei. Venerdì si è consumata una pagina vergognosa che ha penalizzato l’immagine del sito archeologico agli occhi del mondo e costretto tanti turisti ad una lunga attesa sotto il sole. Il presidente Renzi – conclude Tavella – non usi l’irresponsabilità di una parte minoritaria del sindacalismo autonomo per apportare l’ennesimo attacco al sindacato confederale. Si occupi piuttosto di più e meglio della Campania e rinunci per una volta alla facile demagogia”.

27 luglio 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram