Welfare

Sanità. Il Sant’Andrea di Roma lancia la app sull’epatite C

epatite cROMA – Arriva la prima ‘app‘ dedicata all’epatite C. A lanciarla e’ l’ospedale Sant’Andrea di Roma, con lo scopo di fornire informazioni corrette ai cittadini.

Esistono molti siti non affidabili– ha detto, all’agenzia Dire, il direttore Uoc Malattie infettive del Sant’Andrea, Antonio Aceti, a margine del convegno ‘I costi delle infezioni’- quindi con questa applicazione vogliamo diffondere la conoscenza della malattia che molto spesso e’ silente, ci sono persone che scoprono casualmente di averla”. Aceti ha sottolineato che “non vogliamo dire al cittadino di venire qui, ma informarlo in modo tale che possa rendersi conto se nella sua vita quotidiana ha avuto dei comportamenti che lo hanno portato a contatto con l’infezione Hcv”. Dopo l’introduzione del ‘superfarmaco’ Sofosbuvir, dal costo altissimo, si parla molto in Italia di epatite C. Secondo Aceti “la spesa vale la candela, perche’ per la prima volta possiamo eradicare il virus per sempre”.

27 giugno 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»