In Cina infuria la polemica sullo spot razzista

ROMA  – Un ragazzo di colore si avvicina a una procace ragazza cinese, intenta a fare il bucato. Quando sta per scattare la scintilla della passione pero’, lei inserisce nella bocca dello spasimante una capsula di detersivo e poi lo rinchiude nella lavatrice. Terminato il lavaggio, la trasformazione e’ compiuta: ne esce un pulito e bianchissimo ragazzo cinese. Si tratta dello spot pubblicitario di una nota marca di detersivo, che in Cina sta sollevando forti polemiche perche’ considerato razzista per il messaggio che trasmette. “Se non vi rendete conto che e’ una reclame razzista, complimenti, siete dei razzisti” ha scritto un utente su Weibo, un social network tra i piu’ in voga nel Paese asiatico, dove si sono aperti decine di dibattiti sul tema.


27 Maggio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»