Emilia Romagna

Processo Aemilia a Reggio, la società civile presidia l’aula

processo_aemilia

REGGIO EMILIA – Massiccia presenza della società civile nell’udienza di questa mattina del processo Aemilia contro la ‘ndrangheta.

Nell’aula speciale del Tribunale di Reggio Emilia hanno assistito infatti al processo, oltre a due delegazioni di Anpi di Reggio Emilia e Istituto Cervi, anche una ventina di studenti reggiani della scuola superiore “Canossa” di Reggio Emilia.

“Attraverso questo processo si arriverà a stabilire la verità, ma soprattutto attraverso quest’aula verrà fuori nei prossimi anni una nuova Reggio Emilia”, afferma la presidente dell’Istituto Cervi, Albertina Soliani. “Con questo processo alle spalle- prosegue Soliani- la città sarà cambiata. Sono conapevole che la vecchia Reggio, con il suo territorio, sta finendo e ne sta nascendo una nuova soprattutto per la forza delle coscienze delle persone”. Conclude Soliani: “Vedo degli studenti entrare in aula: ecco la nuova Reggio”.

La presenza dell’Anpi, dice il presidente provinciale Ermete Fiaccadori, “ha un significato di impegno sulla giustizia e sulla necessità di vigilare sulla presenza delle infiltrazioni mafiose che si sono verificate”. Per il presidente dei partigiani, “bisogna capire come queste cose si siano verificate con tale forza e anche ragionare del perché non ce ne siamo accorti in tempo”. Chiude Luca Bosi, numero uno della cooperativa Boorea: “Di questo cancro mafioso dobbiamo liberarci. Ma per farlo bisogna essere testimoni presenti e conoscerlo. Auspico che la presenza di Anpi e Istituto Cervi sia un monito per tutta la cittadinanza reggiana a partecipare sempre più numerosa alle udienze, che sono un momento di formazione e cultura”.

LEGGI ANCHE

Processo Aemilia, la ‘ndrangheta alla sbarra vuole gli studenti fuori dall’aula

Indagine Aemilia, tutto iniziò nel 2009 con una Bmw data alle fiamme

27 maggio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»