Autismo, Paolucci in commissione di vigilanza - DIRE.it

Abruzzo

Autismo, Paolucci in commissione di vigilanza

PESCARA – L’autismo è una sindrome psichiatrica che origina da un disturbo dello sviluppo che coinvolge le abilità di comunicazione e di socializzazione della persona. Secondo l’Istituto Nazionale della Sanità, i disturbi dello spettro autistico hanno una incidenza sulla popolazione per un tasso medio del 4,5 per mille, se si considera il disturbo nelle sue molteplici sfaccettature. Oggi, a Palazzo dell’Emiciclo, l’assessore alla sanità, Silvio Paolucci, è stato ascoltato su questo delicatissimo tema in Commissione Vigilanza insieme con i responsabili delle quattro aziende sanitarie abruzzesi e il Capo del dipartimento regionale della Salute, Angelo Muraglia. Sul tavolo della audizione, le problematiche connesse con i servizi erogati e in particolare quelli dell’assistenza, della semiresidenzialità e della certificazione delle strutture che svolgono privatamente tali servizi in convenzione.

   “La Regione”, ha detto Paolucci, “ha adeguato il suo strumento di programmazione prevedendo maggiori posti letti per quanto riguarda la semiresidenzialità e si è riservata di valutare la capacità di erogare maggiori prestazioni“. L’assessore alla sanità ha aggiunto che è in itinere il provvedimento per l’affidamento della struttura della Asl di Teramo e di quella dell’Aquila (in particolare il centro di Pratola Peligna), per offrire risposte significative rispetto alla crescente domanda di servizi. “Stiamo creando le condizioni perché tutte le strutture private abbiano la capacità di erogare il miglior servizio possibile che nel corso degli anni passati è stato sempre inferiore rispetto alla domanda; e tutto ciò nell’ottica di dare sollievo alle tante famiglie interessate e di offrire la migliore assistenza possibile ad una parte così importante della nostra società”.
27 aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»