In Germania migliaia di posti di lavoro in più grazie ai migranti - DIRE.it

Europa

In Germania migliaia di posti di lavoro in più grazie ai migranti

migranti (foto banchetto_babele)

L’ondata di migranti arrivati in Germania sulle loro gambe o grazie alla politica europea di redistribuzione ha cretao paura e diffidenza, ma anche lubrificato la macchina dell’economia, creando migliaia di nuovi posti di lavoro. A rivelarlo e’ un recente studio pubblicato dall’istituto di ricerca sul lavoro Iab, che fa capo all’Agenzia federale per l’impiego, e di cui danno notizia le fonti di stampa internazionali. In vista dei nuovi arrivi, nuovi centri di accoglienza sono stati ristrutturati o creati, il mondo delle Ong e dell’associazionismo caritativo ha avuto bisogno di nuovi collaboratori, le societa’ di vigilanza hanno ricevuto piu’ richieste per aumentare la sicurezza, mentre il settore pubblico ha avuto bisogno di ulteriori impiegati per gestire le pratiche burocratiche, o di insegnanti per la lingua tedesca.

Lo studio riconosce tuttavia che non tutti questi posti sono stati creati da zero: molti esistevano gia’, ma sono stati ricollocati nel settore dei servizi in vista della nuova esigenza. Il tasso di disoccupazione in Germania si e’ infatti ridotto di 0,3 punti percentuali, passando nel 2015 dal 6,7% al 6,4%. Inoltre l’analisi non puo’ ancora tenere conto dell’impatto che avra’ su questo indicatore l’inserimento di nuova manodopera – rappresentata dai profughi che hanno ottenuto un permesso di soggiorno – ma stando a una previsione dello Iab, potrebbe provocare una leggera frenata alla riduzione della disoccupazione.

27 aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»