Ambiente

Africa unita per combattere il bracconaggio

avorio

Il rogo di 120 tonnellate di zanne d’avorio sara’ uno dei momenti chiave a Nairobi di un vertice dedicato al contrasto al bracconaggio che sta decimando la popolazione africana di elefanti. Agli incontri nella capitale keniana, in programma da venerdi’ a domenica, parteciperanno capi di Stato e di governo ma anche molte star di Hollywood e del mondo dello spettacolo.

Attesi tra gli altri sir David Attenborough, Leonardo Di Caprio, Nicole Kidman, Yao Ming, Elton John, George Soros e Howard Buffet. Secondo Richard Leakey, presidente del Kenya wildlife service, “dopo esser riuscita a contrastare il bracconaggio con efficacia negli anni ’90, l’Africa si trova ora di fronte a una nuova crisi”.

L’ong Save the elephants ha calcolato che tra il 2010 e il 2012 a sud del Sahara sono stati uccisi circa 100 mila esemplari. In media, soprattutto a causa della domanda di zanne sui mercati asiatici, ogni anno i pachidermi vittima dei bracconieri sono 30 mila. Sul mercato nero le zanne che saranno bruciate in occasione del vertice varrebbero piu’ di 30 milioni di dollari.

27 aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»