AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE lavoro in diretta

Il lavoro in DIREtta – Le notizie dal territorio

lavoroIl mondo del lavoro e non solo. Ogni giorno in Italia il tema dello sviluppo economico, dei rapporti tra imprenditori e lavoratori assumono i contorni piu’ diversi. Qui la ragione di ‘Lavoro in DIREtta’ lo speciale della Dire in collaborazione con i colleghi di Rassegna (www.rassegna.it).
Buona lettura (anche su www.dire.it).

IMOLA (BO). CGIL: NO A PRIVATIZZAZIONE DI HERA

La privatizzazione di Hera rappresenta un’ipoteca sul servizio pubblico. Così in una nota Cgil, Filctem e Fp Cgil di Imola (Bo): “Contrariamente a quanto afferma il sindaco di Imola, Daniele Manca, l’operazione di cessione delle quote pubbliche in Hera, che passano dal 51% al 38%, perdendo così la quota di maggioranza, rappresenta una vera e propria privatizzazione. Una privatizzazione che non solo contraddice gli esiti del referendum sull’acqua pubblica, ma pone una pesante ipoteca sul ruolo futuro del pubblico servizio in aree strategiche quali il sistema energetico e quello del ciclo dei rifiuti che ha visto, anche nella nostra città, preoccupanti riflessi delle oramai note infiltrazioni criminali”. Per questo i sindacati “oltre a dichiarare la loro contrarietà alla privatizzazione, esprimono le loro preoccupazioni e si impegneranno sin d’ora a contrastare questa folle corsa verso la distruzione del sistema pubblico. Preoccupazione e contrarietà sono state esternate anche dai lavoratori di Hera Imola, riuniti ieri in assemblea sindacale, i quali temono anche che questa scelta avrà delle ripercussioni sul servizio all’utenza, che potrebbe essere compromesso”.

FLC CGIL SICILIA, RISPOSTE INSODDISFACENTI SU FORMAZIONE PROFESSIONE

La Flc Cgil Sicilia giudica insoddisfacenti le risposte del governo sulla formazione professionale. A dirlo è il segretario generale Giusto Scozzaro, chiedendo al governo quali “prospettive si vogliono dare al settore che per ora è lasciato in caduta libera”. Cgil, Cisl e Uil hanno intanto organizzato per lunedì 30 marzo uno sciopero regionale di sei ore e una manifestazione a Palermo, con il corteo che partirà alle ore 9.30 da piazza Marina. Scozzaro precisa che “si continua a demandare la soluzione per gli ex sportellisti alla trattativa tra enti e sindacati, senza tenere conto delle difficoltà di strutture dove ci sono anche i contratti di solidarietà e in una prospettiva di forte diminuzione delle risorse, considerando che col Por 2013-2020 si stanziano per i sette anni solo 800 milioni, un terzo del finanziamento della precedente programmazione che ammontava a oltre due miliardi”.

NAPOLI, 30/3 ASSEMBLEA REGIONALE LAVORATORI FORESTALI

Lunedi 30 marzo alle ore 10, presso il salore Federico nella sede Cgil di via Torino 16 a Napoli, è in programma l’assemblea regionale dei quadri e dei delegati dei lavoratori idraulico forestali. Al centro della discussione, la decisione assunta dalla Flai Cgil di non sottoscrivere “l’accordo capestro che non fornisce soluzioni immediate alla grave situazione economica in cui versa il settore forestazione”. All’assemblea saranno presenti il segretario nazionale Flai Cgil, Giovanni Mininni e il segretario generale della Cgil Campania, Franco Tavella.

CGIL LA SPEZIA, AL VIA PREVENZIONE CONTRO IL CANCRO AL SENO PER LAVORATRICI

Promuovere in tutti i luoghi di lavoro lo screening mammografico per le donne, in modo anche da sensibilizzarle riguardo l’importanza della prevenzione. È questo l’obiettivo del nuovo accordo firmato con l’Asl 5 della Spezia, intitolato “Prevengo anch’io. Buone pratiche di contrattazione in sanità”. Obiettivo della piattaforma è stato quello di consentire lo screening mammografico annuale a chiamata a tutta la popolazione femminile in età a rischio, nel contempo potenziando il reparto di Senologia con la metodologia “breast unit”, ossia con la presa in carico, da parte di un’équipe multidisciplinare, di ogni donna colpita da tumore. “La vertenza – dice la Cgil La Spezia – è stata lunga e difficile, con momenti di confronto e rotture, con la mobilitazione di cittadini e lavoratori, raccolte di firme, un lavoro capillare di coinvolgimento e raccordo con associazioni e movimenti di base sul territorio, a partire dalla Rete femminile della salute”.

MANIFESTAZIONE 28 MARZO, ANCHE STUDENTI IN PIAZZA A ROMA

Gli studenti della Rete della Conoscenza aderiscono alla manifestazione nazionale organizzata per sabato 28 marzo a Roma dalla Fiom Cgil. “Dopo un’intensa mobilitazione autunnale che ha visto tanti e diversi opporsi alla contro-riforma del Jobs Act – dichiara Riccardo Laterza, portavoce nazionale della Rete della Conoscenza – risulta fondamentale dotarci di strumenti e pratiche per dare continuità ed efficacia alla battaglia per la difesa dei diritti e il contrasto della precarietà”. “Aderiamo alla piazza della Fiom dopo aver riaperto una primavera di opposizione sociale al governo Renzi a partire dalla giornata di mobilitazione studentesca del 12 marzo – prosegue Danilo Lampis, Coordinatore nazionale dell’Unione degli studenti -. È oggi necessario ricomporre le diverse battaglie in campo, non nella limitata prospettiva di dare maggiore forza alle singole vertenze, ma comprendendo e valorizzando la stretta connessione esistente”.

“Gli ultimi dati sulla leggera ripresa dell’andamento occupazionale e sull’aumento dei contratti a tempo indeterminato – continua Alberto Campailla, portavoce nazionale di Link-Coordinamento universitario – non possono trarci in inganno: la conseguenza delle politiche del governo Renzi è quella di rendere larghe fette della popolazione più ricattabili e meno capaci di difendersi dallo sfruttamento, anche dentro un contesto di ripresa economica tutt’altro che scontata”.

27 marzo 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988