Smog, Ispra/Snpa: “Nel 2017 Pm1o fuorilegge in gran parte d’Italia”

Oggi a Roma Ispra ha presentato il Rapporto Ambiente Snpa
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’andamento delle concentrazioni del particolato Pm10 “nel medio periodo 2008-2017 è generalmente decrescente”. Tuttavia “nel 2017 i limiti previsti dalla normativa non sono rispettati in gran parte del territorio nazionale e l’obiettivo di raggiungere i livelli raccomandati dall’Oms appare lontano”. Cosi la seconda edizione del Rapporto Ambiente Snpa, presentato oggi da Ispra a Roma. I superamenti del valore limite giornaliero sono stati “numerosi e diffusi solo nelle regioni del bacino padano (Piemonte, Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna) e in Campania”, segnala il rapporto.

I superamenti interessano anche, seppur “con frequenza e diffusione minore, anche il Friuli (Pianura Pordenone e provincia), la Toscana (provincia di Lucca e Pistoia), il Lazio (Valle del Sacco) e l’Umbria (Conca Ternana): “in questi casi i superamenti sono per lo più limitati a specifiche aree dove esistono localmente fonti emissive significative e/o condizioni meteorologiche che favoriscono l’accumulo degli inquinanti”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

27 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»