Neve, Raggi: "Sistema ha funzionato"; "Diesel vietati a Roma nel 2024"; Dalla Regione 100 mln per la sanità - DIRE.it

TG-Lazio

Neve, Raggi: “Sistema ha funzionato”; “Diesel vietati a Roma nel 2024”; Dalla Regione 100 mln per la sanità

Ecco i titoli del Tg Lazio dell’edizione di oggi:

NEVE, RAGGI: SISTEMA HA FUNZIONATO, DOMANI SCUOLE APERTE

“Voglio rassicurare i genitori: le scuole domani saranno aperte regolarmente”. Lo ha annunciato il sindaco di Roma, Virginia Raggi, al termine della riunione operativa presso il Coc della Protezione Civile di Roma, dove si è recata appena rientrata da Città del Messico. Tornando sull’intensa nevicata di lunedì mattina, Raggi ha parlato di “ore intense”, durante cui “la macchina amministrativa ha funzionato”. Quanto alle polemiche sulla sua assenza, il sindaco ha chiarito: “Il viaggio era programmato da tempo e tra l’altro parlavamo proprio di cambiamenti climatici. Credo che un sindaco in certe occasioni debba stare vicino alla propria gente. E sono tornata”. Al momento l’unica emergenza resta il ghiaccio su strade e marciapiedi. “Stiamo intervenendo con lo spargimento di sale”, ha concluso Raggi.

ROMA, RAGGI: DIESEL VIETATI IN CENTRO A PARTIRE DAL 2024

“Roma ha deciso di impegnarsi in prima linea e a Citta’ del Messico, durante il Convegno C40, ho annunciato che, a partire dal 2024, nel centro della citta’ di Roma sara’ vietato l’uso di veicoli privati alimentati a diesel”. Lo ha detto la sindaca di Roma, Virginia Raggi. L’annuncio è arrivato nel giorno in cui la Corte Federale tedesca ha confermato che le città della Germania possono decidere in piena autonomia di vietare la circolazione dei veicoli diesel sui loro territori. Molte le capitali già impegnate nel contrasto ai veicoli più inquinanti: Atene, Madrid, Parigi, Copenaghen, Stoccarda, Oslo. Esulta Greenpeace: “Speriamo misure analoghe vengano presto adottate da tutte le altre citta’ italiane”.

SANITA’. DA REGIONE 100 MLN PER INTERVENTI E MACCHINARI OSPEDALI

Oltre 100 milioni di euro per 18 interventi di ristrutturazione, ampliamento, messa in sicurezza e acquisto di nuovi macchinari nei maggiori ospedali della Capitale e nelle province di Latina, Frosinone e Viterbo: questo il contenuto del decreto alla firma del commissario ad acta alla Sanita’ e presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. “Si tratta dell’ennesima battaglia vinta”, ha detto il governatore, che oggi si è recato al Gemelli, dove l’investimento per la nuova ala dell’ospedale sarà di 23 milioni. “In questi anni- ha concluso Zingaretti- abbiamo dimostrato di saper pianificare interventi di vario tipo e nuove costruzioni e al tempo stesso mantenere i conti sotto controllo, tagliando sprechi e iniettando nuova forza lavoro nel tessuto operativo di Asl, aziende ospedaliere e strutture in tutto il Lazio”.

REGIONALI. LOMBARDI: PARISI? INSULTO A MILITANTI CENTRODESTRA

Ultime schermaglie tra i candidati a presidente della Regione Lazio. “Parisi e’ una persona che vive da trent’anni a Milano, si e’ candidato sindaco a Milano e ha perso. Adesso viene da noi del Lazio a dire come devono essere fatte le cose”, ha detto Roberta Lombardi, che oggi ha presentato le “10 proposte per una Regione dalla parte delle imprese”. Per l’esponente del M5S, la candidatura di Parisi è “un insulto a tutti i militanti di centrodestra che invece nel Lazio ci vivono”. Stefano Parisi, invece, se l’è presa con le tasse del Lazio: “Oggi hai visto la busta paga? Hai visto l’addizionale Irpef? E’ la piu’ alta d’Italia. Ti piace? Vota Zingaretti!”, ha scritto su Facebook.

27 febbraio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»