Porto di Civitavecchia, Battistoni: “Tassa su crociere? Danno a sviluppo”

ROMA – “Si sente parlare, negli ambienti vicini al porto di Civitavecchia, della previsione di una tassa sulle crociere stabilita dall’Autorità di sistema portuale del Mar Tirreno centro settentrionale che porterebbe, inevitabilmente, danni all’economia della città che ruota in gran parte intorno alle attività del Porto stesso”. Così Francesco Battistoni, candidato di Forza Italia al Senato nel collegio di Viterbo e Civitavecchia.

“Da sempre l’economia della città di Civitavecchia- ha continuato- si basa principalmente sull’indotto derivante, in diversi ambiti, dal Porto. Non capisco qual è la progettualità relativa allo sviluppo di quest’ultimo. Non si hanno notizie in merito alla possibilità di istituire una Zls, Zona logistica speciale, che potrebbe portare numerosi vantaggi alla città. Inoltre, la previsione di una tassa sulle crociere stabilite dalla stessa autorità di sistema portuale, porterebbe una significativa contrazione del mercato crocieristico su cui si fonda, largamente, l’attività portuale di Civitavecchia.”

“Ancora, credo sia importante fare proposte per la riqualificazione del waterfront del porto che renderebbe più agevole l’incremento del traffico passeggeri e crocieristico.
Vorrei vedere iniziative volte allo sviluppo di questa area- conclude Battistoni- e non nella direzione opposta”.

27 febbraio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»