AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE giovani

Cyndi Lauper alla Women’s March e il suo discorso contro Madonna

ROMA – Storie di rivalità continuano. Nella pratica, è Cyndi Lauper contro Madonna. È questa in breve l’ultima “faida” del mondo della musica. Motivo dello scontro il discorso che la cantante di Like a virgin ha tenuto alla Women’s March del weekend scorso, la marcia delle donne protesta all’elezione di Donald Trump.

Cyndi Lauper contro Madonna: “Il suo discorso non era utile allo scopo della manifestazione”

“Sono stata felice di vederla lì, – ha detto la Lauper – ma credo che si sia fatta prendere troppo dalle emozioni. Il suo discorso non era utile allo scopo della manifestazione. La rabbia non è migliore della chiarezza e dell’umanità”. Il riferimento è a una frase di Madonna che non è stata proprio apprezzata da tutti. Miss Ciccone ha, infatti, affermato con convinzione che avrebbe volentieri “fatto saltare in aria la Casa Bianca”. Con Trump dentro ovviamente. Una frase che, seppur efficace nel far esaltare la folla, non è – secondo Cyndi Lauper – utile ad aprire la mente delle persone.

Meglio il discorso di Scarlett Johansson da questo punto di vista secondo l’interprete di True Colors. “Scarlett era chiara ed eloquente. Urlare non lo è. Può fare presa sulla gente al momento ma non trasmette niente, né insegna qualcosa agli altri”.

Madonna, eterna rivale della Lauper, al momento non ha commentato le frasi della collega ma sul suo profilo Instagram – improvvisamente reso privato senza nessuna spiegazione – ha chiarito il significato del suo messaggio. “Non sono una persona violenta, – ha scritto sotto una sua foto della giornata – non promuovo la violenza ed è importante che il mio discorso e le mie frasi non vengano prese fuori contesto. Il mio discorso, infatti, è cominciato con le parole ‘Voglio dare vita a una rivoluzione d’amore'”.

27 gennaio 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988