AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE veneto

Poste, la Lega attacca: “Nei piccoli centri ritardi di oltre 15 giorni, inammissibile per gli anziani”

VENEZIA – “Non sono accettabili ritardi incredibili nella consegna della corrispondenza da parte di Poste Italiane nei centri minori e nelle frazioni: i cittadini finiscono per essere danneggiati”. E’ la dura presa di posizione del capogruppo consiliare in Regione della Lega Nord, Nicola Finco, sul servizio di Poste Italiane nel Veneto.
“Servizio? Disservizio direi- ha esordito Finco-. In molte realtà della nostra regione il servizio postale è ancora importante, soprattutto, ma non solo, per le persone più anziane o per chi vive nei piccoli centri montani e rurali della Regione del Veneto, in aree già penalizzate da una scarsa distribuzione dei servizi sempre più rarefatti. Da anni questi cittadini fanno affidamento sui servizi postali per molte necessità: pensiamo anche solo al pagamento di bollette per non parlare del ritiro di raccomandate”.

poste“Proprio nei centri minori- prosegue- sono stati registrati ritardi di oltre 15 giorni nella consegna della corrispondenza e ciò è il risultato un processo di ridimensionamento della capillare presenza degli Uffici in molte aree della nostra Regione, conseguenza dell’adozione di logiche aziendali privatistiche per una società che svolge ancora un ruolo a forte valenza pubblica”.
“Per questo- ha concluso Finco- ho presentato una Interrogazione con la quale intendo sollecitare la Giunta regionale ad avviare un confronto urgente con la Direzione regionale di Poste Italiane, al fine di elaborare un progetto condiviso per il mantenimento di una rete più capillare possibile degli uffici. Ripeto: l’ufficio postale è un presidio che soprattutto nelle realtà marginale svolge un ruolo sociale”.

27 gennaio 2016

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988