AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

Shoah, Capitani Reggenti: “Memoria del male desti coscienza dei più giovani”

SAN MARINO – “Ricordare, continuare a trasmettere la testimonianza di coloro che hanno conosciuto un inenarrabile cammino di umiliazione e di dolore costituisce un dovere morale nei confronti delle vittime innocenti dell’Olocausto”: questo l’incipit del messaggio dei Capitani Reggenti Lorella Stefanelli e Nicola Renzi, in occasione della Giornata internazionale della memoria che si celebra oggi anche a San Marino.

I capi di Stato della piccola Repubblica sottolineano che a distanza di oltre 70 anni dalla liberazione dei campi di concentramento, la memoria della Shoah rappresenta un insegnamento e un monito per le generazioni presenti e future, drammatica testimonianza della profondità del male cui la specie umana può giungere, della barbarie che l’essere umano può esercitare nei confronti di un proprio simile”.

san_marino_piazza_libertaDa allora, purtroppo, “gli uomini non hanno cessato di macchiarsi di crimini contro l’umanità- prosegue la Reggenza- quali il genocidio, la pulizia etnica, il razzismo e la xenofobia”. E’ possibile intravvedere anche oggi segnali inquietati in “episodi- proseguono i capi di Stato- che confermano il persistere del pregiudizio antisemita, nonché odio e disprezzo della dignità e della vita dell’uomo, emarginazione dei più deboli, intolleranza nei confronti dei diversi”. Per questo ancora di più, ai giorni nostri “è pericoloso sottovalutare- ammonisce la Reggenza- rinunciare a tracciare un netto discrimine tra il bene e il male, non condannare ogni forma di negazione di una verità storica”. La memoria condivisa del male, insistono i Capitani Reggenti, deve contribuire a tenere desta la coscienza degli uomini, in particolare dei più giovani, “affinché ciò che è successo- concludono- possa non accadere mai più”.

In occasione della Giornata della Memoria, anche il Pdcs affida a una nota parole di partecipazione al ricordo delle “gravissime atrocità che hanno segnato il popolo ebraico e tutti cittadini dei Paesi europei che hanno vissuto la terribile esperienza dei campi di sterminio”. Il primo partito del Paese invita la cittadinanza a partecipare alle iniziative programmate sul Titano “per fare memoria di un periodo tragico per l’umanità e perché tali eventi non si possano più ripetere”.

27 gennaio 2016

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988