Mondo

Cina, il no delle famiglie al secondo figlio

ROMA – Più della metà delle famiglie cinesi non vuole un secondo figlio. Il sostegno e l’incoraggiamento del governo, preoccupato per l’andamento demografico del Paese, non sono sufficienti.

Da un recente sondaggio della Federazione delle donne cinesi, si evince che per i cinesi la decisione di allentare le norme sulla pianificazione familiare sono state prese troppo tardi.

La popolazione cinese invecchia. Tre decenni di politica del figlio unico sono diventati una sfida per il sistema sanitario e previdenziale della Repubblica popolare. Il punto, rivela lo studio, è che come già successo in Giappone, Corea del Sud e Taiwan, con la crescita dei redditi e la nascita di una nuova borghesia, i cinesi hanno sempre meno voglia di avere più figli, come succedeva invece nella società contadina.  (www.china-files.com)

26 dicembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»