Stasera in tv

Fiction, programmi d'attualità e approfondimento, ma anche film non mancheranno nella prima serata in tv di lunedì 25 novembre

Condividi l’articolo:

ROMA – Fiction, programmi d’attualità e approfondimento, ma anche film non mancheranno nella prima serata in tv di lunedì 25 novembre: in programmazione “Nero a metà”, “Report” e “Grande fratello Vip”. Omaggio a Bernardo Bertolucci su Rai 2 e La7.

Rai 1

Nero a metà | 21.15

Carlo Guerrieri e Malik Soprani sono due poliziotti che più diversi non si può: uno è il classico poliziotto venuto dalla strada, l’altro è un giovane fresco di accademia, di origine africana.

Rai 2

La tragedia di un uomo ridicolo | 21.20

Film di Bernardo Bertolucci con Ugo Tognazzi.

Rai 3

Report | 21.15

Un programma che ha fatto la storia nell’ambito del giornalismo investigativo in tv. Sigfrido Ranucci e la sua squadra ancora una volta in prima fila con inchieste e approfondimenti su politica, economia e società.

Rete 4

Quarta Repubblica | 21.25

Approfondimento televisivo di economia e politica condotto da Nicola Porro.

Canale 5

Grande Fratello Vip | 21.20

Ilary Blasi conduce la terza edizione del reality più famoso della tv.

Italia 1

Brick Mansions | 21.15

Film con Paul Walker, remake di ‘Banlieue 13’ diretto da Pierre Morel e prodotto come questo da Luc Besson.

La 7

Il piccolo Budda | 21.15

Film di Bernardo Bertolucci del 1993 interpretato da Keanu Reeves.

Tv8

Agente 007 – La spia che mi amava | 21.25

Roger Moore veste i panni di James Bond nel decimo film della saga diretto dal regista Lewis Gilbert.

Nove

C’è posto per 30? | 21.30

30 giudici popolari divisi per 8 tavoli decideranno quale ristorante tra due della stessa città è il migliore. Max Giusti è conduttore, moderatore e giudice della sfida.

Real Time

Vite al limite | 21.20

Reality show che racconta le difficoltà che si trovano ad affrontare le persone con problemi di obesità.

Leggi anche:

26 Novembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»