Manovra, Bernaudo: “No al reddito di cittadinanza, sì alla riduzione del cuneo fiscale”

Andrea Bernaudo, presidente di Sos partita Iva, commenta l'apertura dei mercati di oggi

Condividi l’articolo:

ROMA – “I rumors su un eventuale aggiustamento della manovra fanno volare la Borsa e scendere in picchiata lo spread. Ora il governo ha una grande occasione”. Cosi’ Andrea Bernaudo, presidente di Sos partita Iva, commenta l’apertura dei mercati di oggi con la Borsa di Milano a + 3% e lo spread sotto i 280 punti. “Se il governo ora utilizzasse i soldi del reddito di cittadinanza per diminuire in modo strutturale il cuneo fiscale, non solo aumenterebbe occupazione e Pil, ma si tranquillizzerebbe la situazione dei mercati e dello spread- spiega il presidente di Sos partita Iva- Del resto il problema della disoccupazione non si risolve con i ‘tutor’ – cioe’ assumendo altri dipendenti pubblici – e con i carrozzoni parastatali i cosiddetti Centri per l’impiego, ma diminuendo in modo significativo e strutturale il cuneo fiscale per le imprese che assumono. Purtroppo- conclude Bernaudo- non vediamo prevalere questa linea nel governo, ma ci aspettiamo almeno una significativa modifica della manovra verso politiche attive del lavoro, anziche’ il solito assistenzialismo”.

Leggi anche:

26 Novembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»