Sanità

Banco farmaceutico: “In Italia aumenta il bisogno di farmaci per i cittadini”

farmaciaROMA – Cresce in Italia il bisogno di farmaci per i cittadini. Soprattutto per quelli che, per ragioni economiche, non sono piu’ in grado di acquistarli. Nel 2015, infatti, e’ aumentata del 6,4% la richiesta di medicinali da parte degli enti caritativi che ogni giorno aiutano anziani, famiglie ed immigrati in difficolta’. Si e’ passati cosi’ dalle 818mila confezioni di medicinali richieste dagli enti nel 2014, alle 870.352 del 2015.

Sono alcuni dei dati emersi dal ‘Rapporto 2015 – Donare per curare’, curato dall’Osservatorio sulla Donazione dei farmaci del Banco Farmaceutico Onlus e presentato oggi a Roma, presso la sede dell’Aifa (Agenzia Italiana del Farmaco). Lo studio, in particolare, e’ stato condotto su un campione di 1.640 enti convenzionati con il Banco Farmaceutico, dispensatori di farmaci e selezionati in base alla completezza e alla qualita’ dei dati forniti.

Rispetto allo scorso anno, quindi- fa sapere il Rapporto- e’ rimasto sostanzialmente invariato il numero complessivo di persone (405.423) che non possono acquistare un farmaco, ma e’ aumentata la domanda“. Ma a crescere, soprattutto, e’ il numero di italiani in difficolta’: “Oggi sono 182.400, contro i 179mila dell’anno passato (+1,9%), anche se gli stranieri restano maggioritari 222.982 (55%), contro i 230mila dell’anno passato. In particolare, tra gli italiani sono gli adulti tra i 18 e i 64 anni i maggiori beneficiari dei farmaci (58,2%)- conclude lo studio dell’Osservatorio del Banco Farmaceutico- seguiti dagli over 65 (23,6%) e dai minori da 0 a 17 anni (18,2%)”.

26 novembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»