Renzi all’Eliseo: “Sosteniamo Hollande, non solo per la necessaria reazione ma per una strategia globale”

renzi-hollandeSeguiamo lo sforzo diplomatico di Francois Hollande con grandissimo interesse, con grandissima cooperazione, lo consideriamo un fatto positivo e pensiamo che debba arrivare alla conclusione necessaria e cioe’ che debba arrivare, utilizzo le parole di Francois Hollande, non solo alla necessaria reazione, ma anche una a strategia globale: diplomatica, militare, umanitaria, culturale, civile”. Cosi’ il premier Matteo Renzi, dopo l’incontro all’Eliseo con Francois Hollande.

“L’Italia conferma i suoi impegni al fianco della comunita’ europea, della Francia e di tutta la coalizione dal punto di vista diplomatico”.

“Guardiamo con grande interesse al processo di Vienna per cio’ che attiene alla Siria e siamo particolarmente impegnati- dice il presidente del Consiglio- perche’ questa finestra di opportunita’ che si e’ aperta a livello diplomatico possa allargarsi alla Libia”.

Siamo impegnati a livello militare in molti casi assieme alla Francia– dice Matteo Renzi al termine del bilaterale con Hollande all’Eliseo- penso al Libano ma non solo al Libano, in tutti i settori nella coalizione contro Daesh, in Iraq e in Siria”.   Il premier ricorda l’impegno dell’Italia “nella coalizione in Afghanistan, in Libano, nel Kossovo, in Africa dove e’ molto forte l’impegno dei nostri amici francesi e dove anche noi abbiamo alcuni interventi a partire dalla Somalia. Pensiamo pero’ che ci sia necessita’ di uno sforzo sempre piu’ inclusivo, di una coalizione sempre piu’ ampia”.

26 Nov 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»