Lazio

Bullismo, il Garante dell’Infanzia del Lazio: “Sportelli di ascolto per i ragazzi”

ROMA  – “La legge della Regione Lazio per il contrasto al bullismo tratta vari aspetti. Non voglio parlare di quello punitivo, mi interessa l’aspetto diffusivo e preventivo. Quello diffusivo, e l’incontro di oggi ne è un esempio, serve a spiegare ai ragazzi come utilizzare internet e come farlo diventare una risorsa e non un problema. E preventivo, perché questi sono dei momenti in cui si possono lanciare anche dei protocolli d’intesa con le varie associazioni per degli sportelli affinché questi ragazzi possano avere dei punti di riferimento cui rivolgersi nei casi di bisogno”. Lo ha detto all’agenzia Dire il garante dell’Infanzia della Regione Lazio, Jacopo Marzetti, a margine del primo incontro dell’iniziativa ‘No al bullismo’, organizzata dalla XX Prefettura della Diocesi di Roma e che ha preso il via questo pomeriggio nel teatro della parrocchia di San Gabriele, al Tuscolano.

CATIZONE: SOLIDARIETÀ TRA RAGAZZI FONDAMENTALE IN LOTTA A FENOMENO

“Il contrasto al fenomeno del bullismo è importantissimo e anche l’ultimo caso di cronaca, in cui è stato messo in luce grazie alla denuncia e all’aiuto di un ragazzino 13enne affetto dalla sindrome di Down, dimostra quanto la solidarietà tra coetanei sia importante per combattere questo fenomeno. Dietro il bullismo c’è una fragilità, sia del bullo che di chi subisce questi atti continui di violenza e di prevaricazione, e quindi è importante che il contesto sociale in cui queste fragilità si incontrano e si scontrano sia messo in luce ed evidenziato”. Lo ha detto all’agenzia Dire l’avvocato Andrea Catizone, a margine del primo incontro dell’iniziativa ‘No al bullismo’, organizzata dalla XX Prefettura della Diocesi di Roma e che ha preso il via questo pomeriggio nel teatro della parrocchia di San Gabriele, al Tuscolano. Per Catizone “è inutile dire quanto sia importante il ruolo della scuola, quanto siano importanti i genitori e quanto siano importanti tutti i centri educativi: anche i centri sportivi o i luoghi in cui si svolgono le attività ludiche dei ragazzi devono vigilare affinché i rapporti siano rapporti paritari in cui le diversità e le specificità di ciascun ragazzo e ragazza vengano rispettate e messe in evidenza”.


26 ottobre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»