Verdini: “Legge elettorale mia nipote. C’è una nuova maggioranza e noi ci siamo”


ROMA – “Dicono che questa legge e’ figlia mia. Non mi dispiace, ma forse e’ nipote. Era un’idea che e’ stata sviluppata”. Denis Verdini lo dice nell’Aula del Senato.

E’ una legge necessariamente frutto del compromesso, ma tutta questa legislatura e’ stata frutto di un grande compromesso” perche’ “si finge di dimenticare il risultato elettorale del 2013”, aggiunge.

Il Rosatellum, continua Verdini, è “una buona legge elettorale, né un colpo di mano, né un colpo di stato”. Certo, “non è la migliore, leggi perfette in questo ramo del Parlamento e nell’altro non esistono: è la migliore in questo momento storico e in questo Parlamento“.

Con l’uscita di Art. 1 c’è una nuova maggioranza e noi ci siamo, ci siamo sempre stati e ci resteremo”, aggiunge Verdini. C’è “una nuova maggioranza politica con cui tutti devono fare i conti”, conclude.

di Michele Bollino

26 Ottobre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»