AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE welfare

Padoan conferma il taglio delle tasse e agevolazioni per il sud

P. Padoan

P. Padoan

“Abbattere le tasse è una cosa che va fatta, va nella riduzione giusta”, ma questo va di pari passo “riducendo le spese”. Solo così una riduzione è “credibile e permanente”. A 24 ore dall’annuncio del premier Matteo Renzi, il taglio delle tasse, Imu ed Tasi per prime nel 2016, è stato confermato anche dal ministro ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, intervenendo al meeting di Rimini.

Il taglio delle tasse, ha spiegato Padoan, “ha effetto positivo su chi ne beneficia se non ne vengono aggiunte altre, allora si può sperare in un cambio di comportamento”. E le tasse che si abbattono “devono essere fatte in modo tale da convincere che si tratti di un taglio permanente. Ecco perchè si devono abbattere le tasse riducendo le spese. La riduzione deve essere credibile e permanente, è uno dei principi della nostra filosofia”.

La riduzione delle tasse “va di pari passo con la spending review che insieme fanno la gran parte della politica di bilancio- ha aggiunto ancora Padoan- È bello poter abbattere oggi, domani, le tasse di 50 miliardi: la vera questione è come si abbattono in modo credibile, come si finanzia questo abbattimento. Ecco perchè è necessario avere un orizzonte di medio termine, di quasi una legislatura completa. Le tasse si abbattono in modo credibile, lo si fa in modo credibile perchè il loro impatto sia più efficace e rende anche sostenibile la finanza sostenibile”.

Ma Padoan nel suo intervento ha anche accennato al tema delle agevolazioni per il meridione. “Nella prossima legge di stabilità il governo ragionerà su “come immaginare facilitazioni fiscali e agevolazioni per il sud tenendo presente che ci sarà una questione relativa ad aiuti di Stato, monitorata con grande attenzione dalla Commissione europea- ha detto- Noi lavoreremo per una soluzione in questa direzione”.

26 agosto 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram