AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE politica

Lacrime, applausi e ‘Bella Ciao’: alla Sapienza ultimo saluto a Stefano Rodotà FOTO e VIDEO

ROMA – La Sapienza di Roma ricorda Stefano Rodotà. Nell’aula 101 della facoltà di Giurisprudenza, si sono svolti i funerali laici del giurista. A portargli l’estremo saluto, ex allievi, colleghi e alcune delle più alte cariche dello Stato. Tra loro, i presidenti di Camera e Senato, Laura Boldrini e Piero Grasso, il vicepresidente della Camera, Luigi Di Maio, il membro della Consulta Giuliano Amato e il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

LEGGI ANCHE Addio a Stefano Rodotà, una vita spesa per i diritti dei più deboli

Al tavolo degli interventi, il rettore dell’ateneo, Eugenio Gaudio, il preside della facoltà di Giurisprudenza, Paolo Ridola, il professore di Diritto costituzionale Gaetano Azzariti e il professore di Diritto civile, Guido Alpa.

Tutti insieme hanno omaggiato il feretro del giurista scomparso venerdì, per l’occasione portato nei luoghi dove per anni ha insegnato Diritto civile. Lacrime e commozione in aula durante gli interventi, ed anche all’esterno della facoltà, quando un lunghissimo applauso durato più di 25 minuti, i cori ‘presidente, presidente’ e le note di ‘Bella ciao’ intonate dai presenti hanno accompagnato l’uscita del feretro. Prima della partenza del carro funebre lunghi abbracci e lacrime tra la moglie, la figlia e la nipote del giurista.

26 giugno 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988