Damiano: "Renzi svolti a sinistra e ascolti i deboli" - DIRE.it

Politica

Damiano: “Renzi svolti a sinistra e ascolti i deboli”

cesare damianoROMA  – “L’unica cosa che non si dice, a proposito di crisi dell’Europa, è che essa è figlia del liberismo politico ed economico che ha distrutto, per dirla con il filosofo francese Michel Onfray, ‘tutte le conquiste ottenute da due secoli di lotte sindacali e di progresso sociale’. Non abbiamo il coraggio di dirlo perché, anche la sinistra, negli ultimi trent’anni è rimasta in molti casi ipnotizzata e resa impotente dal liberismo. Persino dichiararsi sostenitori del liberale Keynes era, fino a poco tempo fa, giudicato un’eresia anche nel Partito Democratico”. Lo dichiara Cesare Damiano, Presidente della Commissione Lavoro alla Camera.

“Abbiamo pagato, nelle ultime elezioni amministrative- prosegue- l’opacità delle politiche del Governo equamente divise tra scelte di destra e di sinistra (solo per fare alcuni esempi: Imu sulla prima casa e 80 euro per il lavoro dipendente, cancellazione del tetto per i voucher agricoli e lotta al caporalato, superamento dell’articolo 18 e messa al bando delle dimissioni in bianco, intangibilità del sistema pensionistico targato Monti e approvazione della settima salvaguardia degli esodati e dell’estensione di Opzione Donna)”.

“Abbiamo elencato- spiega Damiano- coppie di scelte politiche che si muovono in senso diametralmente opposto. Il risultato è che, anche a causa del prolungarsi della crisi economica, il tracollo del ceto medio, l’aumento dei poveri e la certezza di una diseguaglianza crescente, stanno provocando una rivolta, in Italia ed in Europa, che alimenta il populismo e mette a rischio la stessa democrazia”.

“In mezzo al guado non si può stare: Renzi svolti a sinistra, ascolti la sofferenza dei più deboli che hanno pagato di più nella crisi e valorizzi il ruolo delle parti sociali per trovare i giusti compromessi sui temi fondamentali del lavoro, della previdenza e della povertà, conclude.

26 giugno 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»