Puglia

Emiliano: “La Puglia è un modo di vivere la modernità”

emilianoROMA – “La Puglia e’ un modo di vivere la modernita‘”. Il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano partecipa alla Camera al convegno organizzato dal questore Stefano Dambruoso sulla “Puglia e l’Europa”, e da’ una lettura antropologica dell’essere pugliesi nel terzo millennio. All’incontro partecipano anche Antonio Ieva, Presidente Associazione Pugliese di Roma e Camillo de Milato, sub Commissario di Roma Capitale.

I pugliesi- spiega Emiliano- sono molto liberi, molto indipendenti. E’ difficile vederli raggruppati etnicamente e qualche volta persino dal punto di vista politico. E’ difficile vedere un gruppo di pugliesi intruppati in un processo che essi non hanno metabolizzato e vissuto come proprio”.

Il presidente della regione si dice grato a chi “mantiene in piedi un’idea di pugliesita’ non conforme ai luoghi comuni sul Sud. Si dice che siamo ‘genio e sregolatezza’, ma in realta’ i pugliesi hanno il genio ma anche la disciplina” come dimostra il fatto che “quasi un terzo delle nostre forze armate e’ fatto di pugliesi, e il gruppo salentino e’ tra i piu’ numerosi”.

In nome di una pugliesita’ “contemproanea, al passo coi tempi” Emiliano punta a connettere la Puglia con il mondo. “Brindisi e’ il luogo da cui e’ possibile raggiungere ogni altro punto del pianeta piu’ rapidamente. Vogliamo che la Puglia sia al centro anche in altri sensi. Speriamo di ottenere il trasferimento di alcune grandi istituzioni delle Nazioni unite a cominciare dal Programma alimentare mondiale, il Pam“. L’orgoglio pugliese avra’ da oggi anche uno strumento in piu’. Per iniziativa di Ieva e De Milato nascera’ anche a Roma, dopo Milano, la federazione delle associazioni di pugliesi. Duecentomila aderenti a Milano, ai quali si aggiungono duecentocinquantamila a Roma. Il questore della Camera Stefano Dambruoso presiedera’ l’associazione capitolina.

 

26 maggio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»