Riforme, Maroni: "Voto no, se passa il sì Roma commissaria le Regioni" - DIRE.it

Lombardia

Riforme, Maroni: “Voto no, se passa il sì Roma commissaria le Regioni”

LONGARONE-ZAIA-MARONI (2)

MILANO – “Io sono assolutamente per il no, non c’è il minimo dubbio. Io e Zaia chiederemo che insieme alla consultazione sulle riforme costituzionali, si tenga anche quella per l’autonomia di Lombardia e Veneto”. Non usa molti giri di parole il governatore lombardo, Roberto Maroni. per rendere nota la propria posizione sul referendum costituzionale di ottobre, e su quello per le autonomie, a cui Veneto e Lombardia tengono molto.

Per Maroni, d’altronde sono “quesiti che parlano della stessa cosa, anche se in modo diametralmente opposto. Si’ al referendum sull’autonomia, no a quello di Renzi che cancella le Regioni“, fa sapere il governatore, conversando con i cronisti a margine delle celebrazioni per il 164esimo anniversario della Polizia di Stato, che si sono tenute questa mattina a Varese. Per Maroni il rischio grande per la Lombardia ma anche per le altre Regioni è quello di finire commissariati da Roma: “Se passasse il referendum confermativo della riforma costituzionale varata dal Parlamento- osserva -non avrebbe più senso eleggere il presidente della Regione, perché basterebbe un prefetto mandato da Roma”, conclude Maroni.

di Nicola Mente, giornalista

26 maggio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»