Emilia Romagna

Bologna. Sgomberato Hobo all’ex Mercatone, dentro non c’è nessuno

hobo_occupa_rettoratoBOLOGNA – Sgombero in via Stalingrado a Bologna, nell’edificio dell’ex Mercatone Uno (ex ‘Magazzini del popolo’), occupato il 20 aprile dagli attivisti del collettivo Hobo. La Digos e gli uomini del Reparto mobile sono entrati nella struttura alle 8 meno un quarto per sgomberarla, ma all’interno non hanno trovato nessuno. La verifica è ancora in corso perché il magazzino è molto grande, ma a quanto pare il collettivo, ‘decimato’ dagli arresti domiciliari e dai divieti di dimora arrivati nelle scorse settimane dal Tribunale, non aveva organizzato un presidio dello stabile.

Ora la Polizia chiuderà i locali di via Stalingrado 31 in modo che non ci si possa più rientrare. Dopo lo sgombero di ieri all’ex residence di via Emilia Levante, oggi è toccato allo stabile occupato dal collettivo in prima fila nelle tensioni sociali di queste settimane.

In città restano ancora le due maxi occupazioni abitative di via Fioravanti e via De Maria, ma ci sono anche la clinica dismessa ex Beretta e un altro stabile a porta Galliera.

C’è poi l’occupazione di via Zago, in un ex centro Cesare Ragazzi, messa a segno dagli attivisti anarchici vicini all’aula C un paio di sere prima che avvenisse il sequestro dell’aula all’interno della Scuola di Scienze politiche in strada Maggiore. (Foto Archivio)

26 maggio 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»