Siri, Conte: “Non mi faccio condizionare, se decido per le dimissioni non ci saranno alternative”

Il premier Conte torna a parlare del caso del sottosegretario Siri che divide la maggioranza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Ho letto le posizioni delle due forze politiche” su Armando Siri, ma “non mi sento condizionato, perché la mia linea è sempre la stessa, mi è molto chiara nella mente, non c’è nessun condizionamento che mi possa turbare”. Lo dice il presidente del Consiglio Giuseppe, parlando a Pechino.

Poi, rivela: “Ieri ho parlato con Siri, gli ho detto che partivo per la Cina e non potevamo vederci. C’è anche l’aspetto umano, di cui terrò conto ma che non sarà determinante. C’è una dimensione umana che non trascurerei, di una persona che vuole incontrare il presidente del Consiglio a cui deve delle spiegazioni”.

CONTE: SE DECIDO PER DIMISSIONI NON CI SARANNO ALTERNATIVE

Se Armando Siri non volesse dimettersi, il presidente del Consiglio avrà il potere di farlo dimettere? “Se mi dovessi convincere di questa soluzione credo non ci saranno alternative, lo vedremo a tempo debito, se e quando deciderò in questa direzione”. Lo dice il presidente del Consiglio Giuseppe, parlando a Pechino.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

26 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»